MotoGP, Alex Rins

Alex Rins: “Valentino Rossi in Suzuki? Non so nulla”

Alex Rins punta a battere Joan Mir e al titolo MotoGP 2021. In passato vicino ad essere compagno di squadra di Valentino Rossi: "Non ne avevo idea".

14 febbraio 2021 - 16:35

Alex Rins aveva in programma due settimane di test personali a Portimao, ma il meteo lo ha costretto a virare sul circuito di Almeria. In Portogallo era previsto un “incrocio” con Valentino Rossi e i ragazzi dell’Academy, ma tutto è saltato. Impegno e dedizione in vista della prossima stagione MotoGP, quando si ritroverà a condividere il box Suzuki con il neo campione del mondo Joan Mir. Un infortunio alla spalla rimediato nel primo round del 2020 a Jerez lo ha costretto a rallentare nella prima parte del Mondiale. Scongiurato il rischio di un’operazione, il catalano tornerà per provare l’assalto al titolo.

Sarà ancora una volta la costanza a ripagare. “L’anno scorso non ero molto regolare, anche se l’ho fatto nelle ultime gare arrivando quarto e salendo sul podio. Ma con l’infortunio alla spalla c’erano dei circuiti in cui mi dava più o meno fastidio – spiega Alex Rins a Radio Marca -. Joan era molto coerente. Finire le gare molto bene gli ha dato un certo vantaggio per essere proclamato campione a Valencia. Alla fine della stagione mi sentivo molto bene e ho mostrato il vero livello che avrei potuto avere durante la stagione“.

L’addio di Brivio e la sfida a Mir

Nel prossimo campionato MotoGP Suzuki dovrà fare a meno del team manager Davide Brivio. Un vuoto che non dovrebbe causare nessun cambiamento negli equilibri della squadra iridata. “Quando me l’ha detto pensavo fosse uno scherzo. Ha fatto un ottimo lavoro nel team Suzuki, ma per il 2021 non credo lo sostituiranno“. Il manager brianzolo ha ammesso che negli anni scorsi Suzuki avrebbe tentato Valentino Rossi in sella alla GSX-RR. Il Dottore avrebbe potuto condividere il box proprio con Alex Rins… “Non lo sapevo, non ne avevo idea“.

Joan Mir ha deciso di proseguire con il suo numero #36 e di non adottare il numero #1 del campione in carica. Una scelta che il compagno di box non condivide. “Onestamente prenderei il 1. Te lo sei guadagnato e devi dimostrarlo“. Alex Rins non si sente da meno rispetto al connazionale. “Mi sento il numero uno della mia squadra. Lavoro molto bene con la mia squadra e non c’è mai stato alcun problema. Sappiamo che quest’anno è successo quanto è successo. Sono felice per Joan. Il mio obiettivo principale è battere il pilota della porta accanto e quest’anno ci proveremo“.

Video: Instagram @alexrins

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

sasaki moto3

Moto3, Ayumu Sasaki sulla via del ritorno al Red Bull Ring

MotoGP, Razlan Razali e Carmelo Ezpeleta

MotoGP, Petronas: spunta un nome per il dopo Valentino Rossi

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci-KTM: in Austria la triste sentenza