Alex Rins: “Valentino Rossi aggressivo anche a 41 anni”

Alex Rins ha il dovere di puntare al titolo MotoGP dopo le due vittorie del 2019. I suoi beniamini? Valentino Rossi e Marc Marquez.

10 maggio 2020 - 11:53

Tra i protagonisti dei test invernali c’è sicuramente Alex Rins, una delle pedine più attese dello scacchiere MotoGP. Non a caso Suzuki non ha perso tempo a blindare il 24enne catalano per un altro biennio, certa di poter puntare a risultati importanti già dalla prossima stagione. Nel suo futuro a breve termine anche il matrimonio annunciato con la sua ragazza Alexandra, con cui attualmente convive in Andorra.

FINE DELLA QUARANTENA

Da qualche giorno il lockdown prevede misure meno restrittive, ai piloti è concesso allenarsi all’aperto con le dovute precauzioni. Ma non è ancora permesso attraversare i confini per allenarsi sulle piste più vicine come quella di Lleida o al Rocco’s Ranch. Alex Rins però si sente già pronto a cominciare in qualsiasi momento. “Ora sono al 100%, muoio dalla voglia di salire in moto, mi sento fisicamente forte, quindi sono molto preparato“, ha detto a Mundo Deportivo. Gira voce che si comincerà a Jerez, sarà un campionato MotoGP molto concentrato, con gare ravvicinate. Questa situazione potrebbe sconvolgere gli equilibri in pista? “Può essere. Ovviamente siamo in un’era con molte sorprese. Quest’anno tutto sarà più competitivo“.

TIMORE PER IL COVID

Non nega di avere un certo timore per il Coronavirus, che potrebbe mettere ko la forma fisica di un pilota. “Da quando c’è questo virus ho avuto paura. Noi atleti siamo i primi a non volerlo prendere perché ti farebbe perdere la forma fisica, dovresti restare a letto per una settimana“. Durante la stagione MotoGP 2020 verranno effettuati molti test, un caso di positività potrebbe mandare in fumo la corsa al titolo. “Se fanno il test e io ce l’ho, il mondiale va all’inferno, ma è la cosa giusta da fare“. L’anno scorso ha collezionato due vittorie, ma un solo podio. “Suzuki sta lavorando duramente, ha fatto un grande passo rispetto allo scorso anno e c’è fiducia. Onestamente l’anno scorso volevo vincere le gare e ne ho vinte due, ma mi aspettavo più podi quindi quest’anno ci proverò”.

ROSSI E MARQUEZ

L’anno scorso ha vinto una gara battendo Valentino Rossi (Austin) e un’altra Marc Marquez (Silverstone). Difficile indicare quale trionfo sia stato più entusiasmante. “È molto difficile decidere perché ci sono due piloti, il primo è sempre molto eccitante, ma anche stare con Marc per tutta la gara, imparare da lui, lottare e sorpassarlo nell’ultima curva è molto eccitante“. Altrettanto difficile dire chi sia il più forte tra i due. “Mi piace molto il modo di essere di Valentino, la sua aggressività in pista anche con i suoi 41 anni. Di Marc mi piace la costanza, la sua aggressività in pista – ha concluso Alex Rins –, quando deve sorpassare sorpassa“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pecco Bagnaia in Catalunya

MotoGP, Zarco preoccupa Bagnaia: “Se vince va nel team ufficiale”

motogp catalunya sky sport

MotoGP: Orari del 26/09 a Barcellona, diretta Sky Sport/DAZN e differita TV8

lcr honda motogp

MotoGP, Barcellona: Positivo un membro HRC nel team LCR Honda