MotoGP, Alex Rins

Alex Rins-Suzuki fino al 2022, dubbi in casa Ducati

Alex Rins e Suzuki rinnovano fino al 2022, a breve l'ufficializzazione. Ducati resta a bocca asciutta e guarda in "famiglia" per progettare il futuro.

2 febbraio 2020 - 18:48

La MotoGP piazza un altro tassello al puzzle 2021-2022. Alex Rins conferma il suo impegno con Suzuki e nelle prossime ore potrebbe arrivare il comunicato ufficiale. Certa anche la conferma di Joan Mir che potrebbe giungere nel giorno della presentazione, in programma a Sepang il 6 febbraio. Il 24enne spagnolo ha rinnovato per altri due anni con il team di Davide Brivio, dopo l’ottima stagione 2019 in cui ha collezionato due successi e un podio. Per lui 4° posto assoluto e una costanza di risultati che lascia ben prevedere per il futuro.

DUCATI RESTA A GUARDARE

Il mercato piloti MotoGP conferma la sua repentinità di tempi. Dopo gli annunci di Fabio Quartararo e Maverick Vinales, ben presto potrebbe arrivare anche l’ufficializzazione di Marc Marquez e Repsol Honda. Suzuki ha giocato d’anticipo come fatto da Yamaha, per evitare che la Ducati potesse intervenire a gamba tesa sul suo cavallo di battaglia. A questo punto a Borgo Panigale sorgono molti interrogativi per il futuro. Si sta per aprire una “guerra intestina” nel box della Rossa, dove Jack Miller, Danilo Petrucci e Johann Zarco potrebbero giocarsi un posto nel team ufficiale al fianco di Andrea Dovizioso. Ammesso che il forlivese decida di restare e continuare. Una bella grana per la scuderia emiliana che rischia di allontanarsi dal sogno mondiale.

Nei giorni scorsi si vociferava di un interesse per Alex Rins, ma con questa contromossa la casa di Hamamatsu ha voluto interrompere sul nascere ogni diceria. Se fino a qualche mese fa si attendevano grandi cambiamenti di fronte e di livree, pare che questo mercato piloti avanzi all’insegna delle riconferme. Fa eccezione Valentino Rossi che di certo nel biennio 2021-2022 non correrà con il team Yamaha factory. Per lui due opzioni: passaggio in Petronas o addio alla MotoGP.

2 commenti

oak
23:36, 2 febbraio 2020

Non capisco il clamore
In ducati corrono:
-Zarco
-Miller
-Petrucci
-Bagnaia
E il tre volte Vice campione del mondo Dovizioso.
Ma veramente siamo sicuri che la Ducati si sia mossa così male???
Semmai s’era mossa prima delle altre e adesso, oltre al vice campione del mondo, ci sono altri quattro piloti in grado di offrire prestazioni eccellenti.

Max75BA
22:39, 2 febbraio 2020

…Bagnaia ha un gran potenziale e Dovi è una certezza se ne devono render conto in Ducati

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi al Ranch di Tavullia

Valentino Rossi-Petronas SRT: la richiesta del malese Pawi

Fabio Quartararo al Paul Ricard

MotoGP, Fabio Quartararo: possibile sanzione al GP di Jerez

motogp 2020

MotoGP: Due piloti a colloquio con la FIM a Jerez per sospette infrazioni