Marquez Binder

Alex Márquez vs Brad Binder, la sfida si sposta in MotoGP

Alex Márquez e Brad Binder sono gli 'osservati speciali' in MotoGP. I due sfidanti Moto2 2019 si ritrovano per contendersi il titolo di miglior esordiente.

2 dicembre 2019 - 11:13

I due maggiori protagonisti Moto2 del 2019 si ritrovano in MotoGP. Alex Márquez e Brad Binder sono senza dubbio gli esordienti più attesi nella categoria regina. I due piloti saranno nuovamente l’uno contro l’altro, stavolta però nella battaglia per il titolo di Rookie dell’Anno. Un risultato che di per sé già comporta qualche pressione, visto che Fabio Quartararo, il miglior debuttante quest’anno, ha alzato nettamente l’asticella.

L’osservato speciale è senza dubbio Alex Márquez, campione Moto2 e Moto3, per un buon numero di motivi. È il fratello minore di Marc, attuale dominatore in MotoGP e suo nuovo compagno di box, quindi anche primo rivale e pilota con cui confrontarsi. Oltre a ciò, eredita la seconda RCV del Repsol Honda Team, che da ben due anni non va sul podio. Ne sanno qualcosa Dani Pedrosa (mai in top 3 nel 2018, per la prima volta in carriera) e Jorge Lorenzo (mai nemmeno in top ten quest’anno), poi ritiratisi. Alex ha anche firmato un contratto annuale: considerando che si prevede un mercato piloti molto frizzante in ottica 2021… “Non sarà semplice per lui” ha ammesso Alberto Puig.

Dall’altra parte c’è Brad Binder, ingaggiato da Red Bull KTM Factory. Dopo aver mancato il titolo Moto2 per appena tre punti, il pilota sudafricano è approdato nella categoria regina, sempre parte della struttura austriaca. Eredita la RC16 affidata quest’anno a Johann Zarco, in teoria l’uomo di punta della squadra, prima dei tanti problemi che hanno portato alla rottura anticipata del contratto. I primi test hanno evidenziato parecchie difficoltà soprattutto di adattamento per Binder, che ha guardato a lungo i dati di Pol Espargaró, oltre a chiedere aiuto in pista al tester Dani Pedrosa. “Avrò tante cose a cui pensare quest’inverno” ha dichiarato.

Alex Márquez contro Brad Binder. Si ripropone la sfida che li ha visti contrapposti in questo 2019 in Moto2, con il primo coronatosi campione davanti al secondo, vice-iridato come detto per appena tre punti. Non dimentichiamoci però che oltre a loro troveremo anche Iker Lecuona, esordiente con Red Bull KTM Tech3, con già un GP, quello di Valencia 2019, a referto. Un giovanissimo spagnolo (19 anni) determinato a dire la sua contro i ben più esperti colleghi. Chi la spunterà? Appuntamento al 2020 per saperlo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”