MotoGP, Alex Marquez e Marc Marquez

Alex Márquez più veloce di Marc, ma è la Fita 973

Alex Márquez e suo fratello Marc hanno partecipato alla Fita 973 a Cervera. Anche stavolta il giovane Alex ha la meglio, ma in pista ci sarà la rivincita.

13 gennaio 2020 - 16:45

Prima sfida stagionale tra Alex Márquez e suo fratello Marc, ma non ancora in sella alla Honda RC213V. I due fratelli, campioni in carica Moto2 e MotoGP, hanno partecipato alla Fita 973, l’ormai tradizionale corsa in montagna che si tiene a Cervera. Un bel passo avanti per il Cabroncito che ha interrotto per un giorno la riabilitazione dopo l’intervento alla spalla destra. “Un altro passo avanti verso il recupero“, ammette Marc Márquez ai suoi fan.

La Fita 973 prende il nome dal prefisso della provincia di Lleida e combina i numeri di partenza dei fratelli Márquez (93 e 73) usati nel Motomondiale. L’evento è organizzato in collaborazione con i due fan club dei fratelli. A vincere il confronto è il più giovane, Alex, che ha coperto il tragitto di 14,5 km, con un dislivello di 500 metri, in 81 minuti e chiudendo al sesto posto. Marc ha proceduto con più cautela per non compromettere la spalle operata dopo il test di Jerez: dodicesima piazza in 106 minuti. Ma ha dimostrato che al prossimo test di Sepang sarà in forma quasi smagliante per testare il prototipo 2020.

Weekend ricco di impegni per Alex Márquez che, prima della sfida montana, ha trascorso il sabato sera con il suo fan club. Modalità e luogo identici alla festa di fine campionato di suo fratello Marc, tenutasi qualche giorno prima di Natale. La prossima sfida tra i fratelli di Cervera si terrà a febbraio, nel primo test MotoGP stagionale. Il rookie del team Repsol Honda parteciperà allo shakedown per accelerare la confidenza con la nuova categoria.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Ducati-Andrea Dovizioso: divorzio se non vince

lopez moto3

Moto3: Alonso López, la ripartenza a Brno dopo il malore a Jerez

alex marquez motogp

MotoGP, Alex Márquez: “Sfruttare a Brno quanto imparato a Jerez”