MotoGP, Valentino Rossi 2021

MotoGP, Valentino Rossi-Marc Marquez: ultima “messaggistica” a distanza

Valentino Rossi e Marc Marquez sono due leggende inscalfibili nel paddock della MotoGP. Tra i due non manca mai il botta e risposta a distanza...

14 maggio 2021 - 9:38

Non è un mistero che tra Valentino Rossi e Marc Marquez non corra buon sangue dopo i fatti di Sepang 2015. Il campione di Tavullia non ha mai perdonato quella intromissione del Cabroncito nella sfida interna tra lui e Jorge Lorenzo, ma ormai fa parte dei libri di storia. Eppure non mancano di “messaggiarsi” a distanza ogni qualvolta si presenti l’occasione. Sia in maniera esplicita che velata. Nei giorni scorsi lo spagnolo della Honda ha commentato la permanenza del 42enne in MotoGP. Una situazione “anomala”, con il paddock che avrebbe chiuso le porte ad un qualsiasi altro pilota che non si chiamasse Valentino Rossi.

Un colpo al cerchio e uno alla botte… Marc Marquez sa che toccare certi tasti è come camminare su un campo minato. La popolarità del Dottore è un’arma a doppio taglio con cui tutti devono fare i conti. “L’avversario è quello che si batte per il campionato. Rossi era fortissimo, ma oggi non è in lotta per il campionato“, ha detto l’otto volte iridato. Poi un cucchiaino di zucchero: “La figura di Valentino Rossi in MotoGP è necessaria, perché è forte sui media e attrae tantissima gente“.

Nel giovedì di conferenza stampa a Le Mans al veterano pesarese viene chiesto un parere sull’holeshot. Facendogli notare come Marc sia portavoce di un parere contrario sempre più insistente. “Secondo me, le diverse opinioni dei piloti dipendono molto dalle fabbriche. Se chiedi al pilota Ducati, sono tutti molto contenti del dispositivo di avviamento perché funziona molto bene. Ma d’altra parte, se chiedi ai piloti Honda, sono contro il dispositivo di avviamento, perché quello Honda non funziona molto bene (ride). Quindi più che un problema di sicurezza, dipende da un problema di impianto… Credo che in termini di sicurezza avere o meno il dispositivo di avviamento non cambi molto“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

makiland
12:33, 15 maggio 2021

Eccone un altro che spera di vedre il ritiro di VR, poverini … Lui vi farà invidia ancora di più quando avrà lasciato le corse perchè inizierà a vincere stando fermo …
Avrà la migliore scuderia di giovani che mai si sia vista e ne sfornerà di continuo alla faccia di chi egoisticamente pensa solo a vincere una gara … per se stesso.
Bisogna capire quanto è grande questo ragazzo 40enne e quanto ancora porterà di buono nella storia del Motomondiale anche e di più dopo avere smesso di correre 1, 10, 100, MILLE Valentino Rossi !

    makiland
    11:58, 19 maggio 2021

    10 000 VR !

POTRESTI ESSERTI PERSO:

salac prustelgp moto3

Moto3: Filip Salac e PrüstelGP di nuovo insieme dal GP di Stiria

Moto3: Snipers Team, addio a Salac. Ad Assen arriva Alberto Surra

MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò prova diversamente: “Copierò Marc Marquez”