MotoGP, Valentino Rossi e David Munoz

MotoGP, Valentino Rossi: l’asso nella manica è dentro al box

Valentino Rossi affronterà la prossima stagione MotoGP con un asso nella manica all'interno del box: il nuovo capotecnico David Munoz.

5 maggio 2020 - 17:30

Valentino Rossi correrà la sua ultima stagione in Yamaha factory con un’incognita, o forse un asso nella manica. David Munoz ha esordito nel box del Dottore durante i test invernali MotoGP, ma sarà solo nei week-end di gara che potrà dimostrare quanto incisivo sia il suo apporto. L’ex capo meccanico Silvano Galbusera passa alla corte di Jorge Lorenzo nel test team, il Dottore potrà giocarsi una carta importante. Troppi gli errori commessi all’interno del box nelle ultime stagioni, come la scelta delle gomme o la mancanza di una pronta reazione all’evolversi repentino delle situazioni.

Alla fine del 2013, Valentino ha annunciato che non avrebbe continuato con Jeremy Burgess, che lo aveva accompagnato durante i suoi sette titoli fra classe 500 e MotoGP. Ha quindi scelto il suo connazionale Silvano Galbusera, che proveniva dal Campionato mondiale Superbike, dove aveva già lavorato per la Yamaha. Con il tecnico ex Gilera ha fatto un grande passo avanti, arrivando a sfiorare il Mondiale nel 2015. Nell’ultimo periodo qualcosa non ha funzionato alla perfezione e il Dottore necessitava di nuovi stimoli, da qui la scelta di David Munoz che conosce molto bene per il suo lavoro nello Sky Racing Team VR46.

I PRIMI PASSI CON MUNOZ

Nei test l’innesto di David Munoz non ha portato grandi risultati in termini di piazzamento finale. Nel test IRTA a Valencia Valentino Rossi ha concluso decimo a 0,932″ da Maverick Vinales. A Jerez, alla fine di novembre, il campione di Tavullia era in undicesima posizione, a 1.221″  dal compagno di squadra. All’inizio di febbraio a Sepang, quinto posto a soli 0,192 da Fabio Quartararo. Infine in Qatar si è piazzato dodicesimo, a 0.474″ dall’indomabile Vinales. “Abbiamo fatto questi test invernali insieme e la prima impressione è molto positiva“, ha ammesso Valentino Rossi. “Ha un modo diverso di lavorare. David non ha molta esperienza ma è un ingegnere capo molto giovane. Mi sento bene perché ha un ottimo approccio, è sempre molto calmo e ha già un buon rapporto con il resto della mia squadra“.

Sarà importante instaurare anche un’ottima atmosfera all’interno del box e su questo sembra avere già apposto il suo timbro. “L’atmosfera nella squadra è molto positiva perché tutti sono molto felici. È quindi un prezioso aiuto per i risultati. Inoltre, da un punto di vista tecnico, è pronto a tutto“, ha aggiunto Valentino Rossi. “Conosce la moto, ha lavorato durante l’inverno per essere pronto. Sono molto curioso di fare un weekend di gara insieme, perché penso che abbiamo più potenziale rispetto allo scorso anno“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

rins motogp

MotoGP: Alex Rins, finalmente il podio! Con ‘saluto’ e dedica a Luis Salom

marini moto2

Moto2, Luca Marini vince ancora: “Lowes molto veloce, poi la gomma è calata…”

MotoGP, Fabio Quartararo in Catalunya

MotoGP, Fabio Quartararo in stile Gomorra: “La mia vittoria più bella”