MotoGP: Test KTM a Le Mans, in pista Zarco ed Espargaró

KTM ha girato per due giorni a Le Mans per un test privato. Nel day-2 presenti anche Johann Zarco e Pol Espargaró, ancora assente Dani Pedrosa.

25 aprile 2019 - 13:13

KTM lavora a 360 gradi per portare avanti lo sviluppo della RC16. Una settimana fa il collaudatore Mika Kallio ha girato per tre giorni al Mugello per provare alcuni aggiornamenti: “Tre giorni di test al Mugello, uno dei migliori circuiti di sempre con una MotoGP a 350 chilometri all’ora. Grandi cose, tutto qui!”. Ma il team austriaco approfitta delle concessioni regolamentari e della lunga pausa in campionato per tornare in pista a Le Mans per un altro test privato.

In pista ancora una volta il tester finlandese, nella seconda giornata è stato affiancato dai due piloti ufficiali Pol Espargaró e Johann Zarco. Non è noto se il francese abbia ricevuto le componenti attese per migliorare il feeling con la KTM. Il prototipo arancione richiede uno stile di guida più aggressivo rispetto alla Yamaha, soprattutto in frenata. Una richiesta troppo estrema per un pilota dalla guida vellutata come Zarco che dovrà comunque adattarsi al DNA della sua nuova moto. Oltre ad attendere alcuni aggiornamenti che possano aiutare le sensazioni con l’anteriore.

A dare manforte alla causa di Mattighofen arriverà a breve Dani Pedrosa, ancora assente sul circuito Bugatti di Le Mans. Nessuna pressione dai vertici KTM che vogliono un collaudatore in perfetta forma e senza dover rischiare altri infortuni. La data del ritorno è stata fissata per il mese di maggio. All’indomani del GP di Jerez ci sarà una giornata di test collettivi, ma forse i tempi non saranno ancora maturi per rivedere l’ex pilota Honda. A recitare la parte del leone è ancora una volta Pol Espargaró che sui social pubblica un video mentre prova con le rain: “Chi vuol fare un giro con me a Le Mans sul bagnato?”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci: “Dovi ed io diamo il massimo, ma non basta”

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”