Aprilia, MotoGP

MotoGP, Aprilia nuove teste dalla F1 per la svolta 2020

La marca di Noale rafforza il reparto corse: già arrivati nuovi tecnici dal settore auto. Il debutto di Stefano Romeo, ex Ferrari

16 novembre 2019 - 10:00

Aprilia sta compiendo un grande sforzo per compiere il salto di qualità in MotoGP. La quinta stagione sta arrivando all’epilogo senza lampi: ultimo posto nella classifica Costruttori, distanziata di 24 punti dalla KTM, l’altra Marca che gode delle concessioni regolamentari. L’unico lampo, in diciotto GP, è stato il sesto posto di Andrea Iannone a Phillip Island (“Un tracciato che ha nascosto i nostri problemi“) a pochi decimi dal podio. Aleix Espargaro ha regalato buoni sprazzi in qualifica, ma poco più.  Nel 2020 serve un drastico cambio di marcia, cioè una moto nuova che permetta a Andrea Iannone di puntare stabilmente alla top ten (qui cronaca e tempi del venerdi)

CAMPAGNA ACQUISTI 

La priorità dell’azienda del Gruppo Piaggio è stata potenziare il reparto Corse. A Valencia ha fatto la sua apparizione nel box  Stefano Romeo, 46 anni (nella foto),  fino a pochi mesi fa capo degli elettronici in pista della Ferrari F.1, dove lavorava dal 2002. È il nuovo responsabile dell’elettronica di Noale, che riporta a casa anche Elena Di Cia, ingegnere elettronico gli ultimi 2 anni in Suzuki. Gli altri nomi sono Michele Fantini, motorista anche lui ex Ferrari e ora in Bmw, dalla Lamborghini è arrivato Andrea Aguggiaro, specializzato sui materiali.

“SARA’ COMPLETAMENTE NUOVA”

La moto cambierà totalmente, il motore resta un V4 ma l’angolo sarà diverso, oltre a essere più compatto” ha spiegato il direttore tecnico Aprilia, Romano Albesiano, a La Gazzetta dello Sport in edicola sabato 16 novembre. “La moto in sé sarà più stretta, stiamo lavorando su attriti e leggerezza, con una struttura più evoluta per gestire meglio le vibrazioni, visto che il chattering quest’anno ci ha disturbato parecchio, e una meccanica più raffinata. Ci aspettiamo uno step sensibile di potenza. I primi esemplari andranno al banco a inizio dicembre, ma il piano di sviluppo è già pianificato in ottica 2021. E stiamo investendo molto negli studi aerodinamici, al CFD come nelle simulazioni, con una collaborazione in Germania con una galleria del vento legata alla F.1″

1 commento

alextacchinard_14513285
9:15, 16 novembre 2019

Non hanno ancora capito che ingegneri di formula uno in motogp non concludono niente, quest’anno me aveva o già uno in squadra e non é cambiato nulla, li per vincere se ne deve andare albesiano. Forse le sue scelte influiscono sul team

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jack Miller e Valentino Rossi

Valentino Rossi in Formula 1, Jack Miller: “Preferisco il rally”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile