MotoGP Miller 2

MotoGP, Miller vuole una Ducati mondiale: “Essere competitivi ovunque”

Jack Miller abbatte il record della pista nei test MotoGP, ma ad impressionarlo di più in questi giorni è stato… Pol Espargaro.

11 marzo 2021 - 10:57

Se il buongiorno si vede dal mattino, la stagione 2021 di MotoGP per Jack Miller è iniziata con il piede giusto. L’australiano continua a brillare con i nuovi colori della Ducati ufficiale e nella terza giornata di test in Qatar stampa il miglior crono abbattendo addirittura il record della pista. La priorità dell’australiano tuttavia rimane provare il più possibile per rendere Ducati competitiva non solo in Qatar. Si lavora per qualcosa di più grande: l’obiettivo è il mondiale!

“Giro record? Le condizioni erano perfette per farlo”

“Le condizioni oggi erano fantastiche per fare un giro, l’umidità era bassa, non c’era vento, asfalto pulito e le temperature erano ottime”, esordisce Jack. “Il giro è stato fantastico, ma c’è anche da pensare che Maverick (Vinales) ha un grande ritmo. In questo momento ho un grande feeling con la moto, ma non mi sto concentrando sul fare il giro secco”. Il focus è un altro: “Voglio lavorare e provare cose differenti per far funzionare la moto in ogni area. Avere un pacchetto completo non è facile, ma noi ci proviamo. Quindi vogliamo vedere quali aree infettano anche i piccoli cambiamenti”.

“Vogliamo una Ducati competitiva ovunque”

La rotta è chiara: “Il desiderio è fare sì che Ducati sia veloce in tutte le piste. In passato siamo stati forti su alcune piste mentre in altre abbiamo faticato. Dobbiamo capire il motivo per essere pronti per il campionato, questo è l’obiettivo dei test”. Si preannuncia un programma di lavoro fitto in questi ultimi giorni: “C’è una lista di parti da testare e lavoriamo per capire il feedback di tutti. La nuova carenatura lavora meglio, non l’ho praticamente mai tolta”.

“Voglio grip al posteriore senza sacrificare il davanti”

“Abbiamo fatto alcuni cambiamenti per capire come avere grip al posteriore senza sacrificare il feeling con il davanti, che a me piace molto”, prosegue con l’analisi Miller. “Per il momento soffro un po’ nel terzo settore, ma da qua alla gara le cose possono cambiare”. Fare un bilancio dei rivali risulta difficile: “Se guardassimo ai miei tempi con gomme usate oggi avrei vinto la gara con margine! Sono soltanto test e i tempi quando si prova sono sempre speciali. Dobbiamo aspettare il weekend ‘vero’ per capire cosa succederà”.

“Fuori da Losail capiremo la situazione per il campionato”

Ci sono tanti fattori in gioco durante un fine settimana di gare: “Dobbiamo ancora guidare su un asfalto dove hanno girato le gomme Dunlop, capire cosa funziona sulla moto ed essere pronti su più tracciati”. Il Qatar è un buon banco di prova, ma può ingannare: “Qua molte moto vanno forte e già in passato le gare sono state combattute con tante case coinvolte. Una volta che andremo via da  Losail capiremo forse un po’ meglio la situazione per il campionato”.

“Pol Espargaro sta facendo un lavoro fantastico”

C’è un pilota però che al momento lo ha sorpreso: “Credo che Pol Espargaro stia facendo un lavoro eccellente. Lui aveva il cambiamento più grande di tutto passando da KTM ad Honda, due moto con caratteristiche totalmente diverse. Si è adattato molto bene”. L’australiano continua ad elogiare Pol: “Non tutti riescono a domare la Honda, ma se c’era uno che poteva farlo era lui con il suo stile aggressivo. Lo si sta vedendo da questi test, le cose sembrano andargli bene”.

“Lorenzo? Se è in spiaggia può divertirsi”

Chi invece non ce l’ha fatta è Jorge Lorenzo, con cui ha avuto un piccolo screzio. Il maiorchino aveva commentato la caduta di Cal Crutchlow con un ‘Ve l’avevo detto’ che non è andato giù a Miller. Jack gli aveva infatti risposto per le rime: “Smettila di comportarti come un bambino”. L’australiano commenta brevemente l’accaduto: “È la mia opinione, quando vengono dette sciocchezze senza motivo non sono d’accordo. Specie quando si parla di una caduta! Non dirò di più, ci sono tante altre cose: se lui è in spiaggia, può divertirsi”.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
17:58, 11 marzo 2021

Voglio vederlo piangere di rabbia JL … lui che sulla Ducati ha FATTO PENA …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

danilo petrucci motogp

MotoGP, Petrucci: ultimo GP in casa e le ipotesi Dakar-MotoAmerica

motogp luca marini

MotoGP, Luca Marini: “Proverò a stare coi primi, posso imparare molto”

bagnaia motogp

MotoGP, Bagnaia: “Quartararo indietro? Devo spingere come se fosse 2°”