MotoGP Marini

MotoGP, Marini sorpreso da Ducati: “Non mi aspettavo questo supporto”

Inizia ufficialmente il cammino MotoGP di Luca Marini. Nuova giornata di apprendistato, non lontano dai migliori: "Bisogna fare tutto a grande velocità"

27 marzo 2021 - 8:50

Primo vero giorno di scuola per Luca Marini in MotoGP, dopo i test in Qatar di qualche giorno fa. Inizia ufficialmente l’avventura per il neo Ducatista di Sky VR46 Avintia, senza nascondere l’emozione del debutto. 17° tempo ad un secondo dal miglior riferimento per ‘Maro’, non lontano dal compagno di squadra Bastianini. La strada è ancora lunga, ma Luca potrà contare anche sul supporto di Ducati.

“In prova devi fare tutto a grande velocità”

“Entrare in pista per le FP1 è stato più emozionante di fare i test, qua partiamo tutti insieme”, ammette. “In prova l’intensità e la velocità con cui devi fare le cose è maggiore rispetto ad un test e devi essere al 100%”. Una giornata dura, ma bella: “È stata una grande emozione e ho buone sensazioni. Nelle FP2 mi sentivo molto a mio agio ed è stato più facile anche grazie all’abbassamento delle temperature”.

“Problema con una moto: non so cosa sia successo”

Un piccolo problema non ha interrotto il lavoro di Marini. “Non so cosa sia successo, ma ho usato l’altra moto. Quando sono uscito dalla pit ho sentito un problema quasi già dalla prima frenata. La moto si muoveva molto in fase di frenata e quando scalavo le marce”. Fortunatamente niente di troppo complicato: “Abbiamo controllato la moto e nelle FP2 era okay, siamo riusciti a risolvere ma non so cosa sia successo”.

“Ducati al top: fortunatamente potrò guardare i loro dati”

Luca analizza poi i punti critici: “Guardando i dati devo ridurre il gap nel T2 e nel T3. I due Ducati factory per fortuna sono al top, potrò guardare le informazioni dei piloti al vertice. Posso imparare molto controllando tutto. Ci concentreremo successivamente sulle aree dove dovremo migliorare, ma rispetto al test mi sono sentito molto meglio con la moto”.

“Non mi aspettavo questo supporto da Ducati”

Ducati non sta facendo mancare il suo sostegno: “Mi hanno portato qualcosa che va meglio. Una nuova sella, ma anche una nuova forma del coperchio del serbatoio. Sono felice del supporto che mi sta dando Ducati, non me lo aspettavo. Lo stanno facendo con tutti e tre i debuttanti, è grandioso per quanto mi riguarda. Spero che potremo continuare così durante la stagione, magari portando altro nel corso dell’anno”.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
12:09, 27 marzo 2021

Ducati gioca per la vittoria finale, ci mette tutto, secondo me anche troppo … ma vanno fortissimo, anche se le velocità assolute non valgono la sicurezza di vincere, ci vuole una moto “facile” come Suzu, ma “tosta” …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

danilo petrucci motogp

MotoGP, Petrucci: ultimo GP in casa e le ipotesi Dakar-MotoAmerica

motogp luca marini

MotoGP, Luca Marini: “Proverò a stare coi primi, posso imparare molto”

bagnaia motogp

MotoGP, Bagnaia: “Quartararo indietro? Devo spingere come se fosse 2°”