MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez già a Cervera: decisione finale solo venerdì

Marc Marquez ha lasciato stamane la Clinica per raggiungere Cervera. Il campione MotoGP attende l'ok dei medici per tornare in pista a Jerez.

22 luglio 2020 - 19:37

Marc Marquez ha lasciato stamattina, in gran silenzio, l’ultimo piano dell’Institut Dexeus Quiron di Barcellona. Il pluricampione di MotoGP avrebbe eseguito persino 40 flessioni nella sua stanza prima di partire per la sua Cervera. Il primo miracolo è avvenuto domenica pomeriggio, quando nell’impatto con l’asfalto di Jerez il nervo radiale è rimasto illeso. Il secondo è avvenuto in meno di 24 ore dopo l’operazione. Le sue condizioni sembrano così ottimali da voler provare a scendere in pista nel week-end.

Il chirurgo Xavier Mir era andato giù cauto. “Fortunatamente questa spalla non è in gravi condizioni. All’inizio, dopo l’incidente a Jerez, pensavo avesse ferito la spalla operata (a novembre, ndr). Ma l’idea è che a Brno potrebbe essere in grado di competere“. Invece, dopo l’esplicita richiesta di Marc Marquez i delegati HRC hanno tenuto dei colloqui con i medici catalani, per capire i pro e i contro di una possibile uscita nel prossimo week-end. A consentire di muovere il polso e le dita è il nervo radiale, quindi non avrebbe problemi ad azionare il gas e azionare la leva del freno anteriore. “Sta bene, ottimista, come sempre, con l’obiettivo di competere per questo campionato del mondo“.

Serve l’ok dei medici

Dopo lo zero punti nella gara d’esordio del campionato MotoGP 2020, Marc Marquez non vuole perdere altri punti preziosi. Sa bene che anche un paio di punticini,  in un calendario di 13 GP, possono rivelarsi fondamentali. Una decisione verrà presa domattina, 48 ore dopo l’intervento. I dottori Mir e Barrera darebbero l’ok solo se in condizioni di poter passare l’esame medico del Centro medico del circuito. Un’altra ipotesi è di saltare le prove libere del venerdì così da avere un giorno in più di riposo e giocarsi un posto in Q2 con la FP3. Importante ricordare che dovrà essere dichiarato ‘fit’ per poter correre a Jerez. Poi sarà solo venerdì, una volta salito in moto, che deciderà se proseguire il GP.

A molti ritorna in mente quanto fatto da Jorge Lorenzo nel 2013 ad Assen, ritornato in pista all’indomani dell’intervento alla clavicola. Ma nel caso di Marc sarebbe ancora più sorprendente: “Fossi in lui non lo farei“, ha commentato Max Biaggi a Sky Sport MotoGP. “Bello sentirne parlare, ma per ora sono solo speculazioni“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

smith aprilia motogp

MotoGP, Bradley Smith: “Alla Aprilia RS-GP 2020 manca tempo in pista”

Nagashima Moto2

Moto2: Nagashima all’attacco a Brno per difendersi dagli italiani

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso senza alibi: “A Brno grandi aspettative”