marc marquez motogp

MotoGP, Marc Márquez: “Con tanta pioggia è impossibile correre”

Marc Márquez 8° con caduta. "Non ero da pole, ma potevo fare meglio." Spera in un gara asciutta, in caso di pioggia rimarca le problematiche della pista.

8 agosto 2021 - 7:23

Una qualifica chiusa anzitempo con una caduta, e proprio nella discussa curva 3, ma senza conseguenze. Marc Márquez sperava in qualcosa di più di un ottavo posto in griglia di partenza, ma è da lì che scatterà il suo Gran Premio di Stiria. Già venerdì aveva ammesso deluso che il suo stato di forma non era quello che sperava, ma nei turni del sabato è comunque andata meglio. Anzi, prima dell’incidente era addirittura in casco rosso… A livello di moto continuano i confronti a livello di telaio, anche se il pluricampione MotoGP sembra concentrarsi sul nuovo per la pista austriaca. E, nonostante le previsioni poco rassicuranti, spera di disputare una gara asciutta.

Parlando dell’incidente, “È tutta colpa mia. Ho frenato un po’ più tardi del solito ed ero troppo veloce in una curva lenta, ma ho pensato di farcela lo stesso. Era il mio ultimo tentativo ed ero certo di poter migliorare ancora parecchio.” Ma il suo giro si è interrotto anzitempo alla curva 3. “Non ero da pole, ma certo potevo fare meglio di un ottavo posto. Con la prima gomma non mi sono trovato bene, con la seconda invece sì e stavo spingendo per fare un buon tempo.” Guarda però il lato positivo. “Il mio passo gara era buono. Sarà una corsa lunga e sappiamo che le Ducati sono rapide, vedremo però cosa succederà col calo delle gomme.”

Pneumatici, carburanti, limiti della pista, meteo… Tanti aspetti da controllare in questo Gran Premio. Oltre certo a cercare di ritrovare il giusto stato di forma in sella alla sua Honda. Anche per questo motivo si augura una gara su pista asciutta. “Se cercassimo un risultato spontaneo penseremmo alla pioggia, ma non è quello che vogliamo” ha sottolineato il campione di Cervera. “Vincere una corsa non è importante, non ci cambia la vita. L’ho già fatto quest’anno e mi sono tolto un peso, ma ora dobbiamo pensare al futuro e per questo ci servono condizioni di asciutto. Mi alleno tanto a casa, ma la MotoGP è un’altra cosa.”

Come detto però si parla di previsioni poco rassicuranti in vista della gara. Tanti piloti hanno rimarcato la pericolosità della pista in tali condizioni e Márquez è tra questi. “Se fossero acquazzoni, con tanta pioggia in arrivo in poco tempo, sarebbe impossibile correre su questa pista. Ci sono molte salite e discese che possono favorire la formazione di rivoli d’acqua e provocare l’aquaplaning. Sarebbe davvero pericoloso. Se invece c’è una pioggia ‘accettabile’ si può correre.”

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Valentino Rossi non si arrabbia più”

mir motogp misano test

MotoGP, Suzuki sul motore 2022: “Non una rivoluzione, uno sviluppo”

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V