MotoGP Rossi

MotoGP, l’ottimismo… cronico di Valentino Rossi, nonostante tutto

Valentino Rossi chiude 17° a Jerez ma cerca di non perdere il sorriso: "Bisogna mantenere alta la concentrazione ed essere ottimisti".

2 maggio 2021 - 17:52

Valentino Rossi lascia Jerez con un amaro 17° posto al termine di un weekend iniziato male e finito senza grandi sussulti. Rimangono gli stessi problemi per il ‘Dottore’, che continua a lavorare per cercare di vedere la luce. A farlo sorridere ci sono i prodotti della Academy, con Bagnaia Morbidelli assoluti protagonisti in Spagna. Valentino, però, personalmente fa fatica a sorridere, anche se continua ad essere ottimista e cerca di non perdere il sorriso.

“Dobbiamo trovare la chiave tecnica”

“Ho provato a prendere punti, ma quando provavo a superare le KTM finivo sempre lungo”, l’analisi. “Gara difficile dopo un weekend difficile, non avevamo velocità. Abbiamo fatto fatica tutto il fine settimana, ma non ero veloce abbastanza”. Domani i test, dove si potrà fare qualcosa: “Abbiamo qualcosa da provare per migliorare un po’. Ci sono problemi con il setting, non riesco a guidare al massimo. Ci serve la chiave tecnica per migliorare questi problemi ed essere più forti e portare la moto al limite”. 

“Serve mantenere alta la concentrazione”

Valentino cerca di non perdere il sorriso: “Dobbiamo essere ottimisti e mantenere alta la motivazione per fare tutto il possibile al fine di essere più veloci”. All’orizzonte piste sulla carta favorevoli: “Abbiamo Le Mans, buona sulla carta, così come il Mugello. Sulla carta in realtà anche Jerez poteva esserlo, la moto era quasi la stessa del 2020 quando ho fatto podio, invece ho fatto fatica. In MotoGP tutto cambia velocemente”.

“Le parole di Razali? Pieno supporto da parte sua”

Rossi commenta poi le parole di Razlan Razali (“Valentino è forte, ma i piloti giovani vanno più veloce. Continueremo a sostenerlo”): “Il team mi fornisce tanto supporto nonostante un inizio difficile, Razali compreso. Mi rende felice, sapevamo che era difficile arrivare davanti, ma pensavamo di andare meglio di così. Il momento è difficile, però sento grande fiducia e supporto da tutto il team, li ringrazio molto”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jack Miller sulla Ducati GP21

MotoGP, holeshot Ducati: nessuno provi a vietarlo!

bestia martin maro sava motogp

MotoGP, rookie a confronto: Bastianini, Martín, Marini e Savadori dopo 4 GP

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy