MotoGP, l’opinione: “Senza Marc Marquez è una MotoGP povera di talento”

"Miguel Oliveira magari diventerà un campione, ma con Marc Marquez KO, Valentino Rossi in calo di Andrea Dovizioso altalenante questa MotoGP è povera di talento"

24 agosto 2020 - 8:27

La MotoGP sta proponendo nuovi vincitori e  risultati tecnici a sorpresa: succede perchè il livello si è abbassato? E’ quanto sostiene Andrea Fanì, firma della redazione motori di La Gazzetta dello Sport, in un commento pubblicato sull’edizione cartacea all’indomani della quinta prova Mondiale. “Cinque gare di MotoGP e quattro vincitori (di cui tre per la prima volta, Quartararo, Binder e Oliveira). Le facce della medaglia sono due. La prima: è un Mondiale incerto e forse proprio per questo interessante. La seconda: è un Mondiale senza campioni fenomenali (in alcuni casi senza uno stato di forma fenomenale, perché il talento è fuori discussione), con la qualità assoluta calata rispetto al passato”. 

“Manca il re indiscusso”

L’infortunio di Marquez — sacrificato sull’altare dello show — ha spodestato il re indiscusso, che tra l’altro nella gara inaugurale stava compiendo una rimonta di puro talento misto a rabbia” scrive Fanì.  “E così con un Rossi in fase calante e un Dovizioso a fasi alterne, il campionato 2020 non ha un interprete che lascia ammirati. La gara numero 900 della top class l’ha vinta Oliveira, che per carità avrà anche talento e forse un giorno sarà anche campione, però è lontano anni luce dai Marquez, dai Vale, dai Lorenzo degli ultimi anni. E il leader della classifica, Quartararo, arriverà a livelli altissimi ma dopo i primi due schiaffi dati alla concorrenza, adesso è parecchio in affanno”.

Maverick Vinales bocciato

Andrea Fanì rileva anche il deludente rendimento di Maverick Vinales. “Anche Viñales — al di là della paura di ieri — sta scomparendo proprio nel momento in cui invece dovrebbe dire al mondo, “sì, sono io il dopo-Marquez”. Mondiale divertente perché senza un finale già scritto: probabilmente lo ricorderemo come il più avvincente degli ultimi anni, ma per i fenomeni meglio ripassare”. 

6 commenti

fabu
11:53, 24 agosto 2020

stando così le cose, quando rientra il fenomeno direi di farlo correre da solo.

    marcogurrier_911
    12:13, 24 agosto 2020

    Esatto

marcogurrier_911
10:21, 24 agosto 2020

L autore dott Fani in my opinione ha toppato alla grande, il livello è altissimo di sicuro più di dieci anni fa, e di parecchio .

    fabu
    12:22, 24 agosto 2020

    ricordo all’autore di andarsi a guardare le classifiche del 2016, in 8 gare di fila un vincitore diverso (Lorenzo, Rossi, Dovizioso,Marquez, Iannone, Crutchlow, Vinales, Pedrosa).

wwwcarmel_14942506
9:46, 24 agosto 2020

Non c’e’ Marc Marquez??
Ma chi c….o se ne frega….!!

Max75BA
9:12, 24 agosto 2020

…il mondiale è decisamente appassionante, dopotutto Marquez è fuori per un paio di suoi errori (non è una condanna!!!!nei riguardi del pilota più forte negli ultimi 7anni…caduta quando era 2°e voler subito rientrare sono 2 suoi errori pagati caramente), la novità è nella KTM come moto vincente, probabilmente assisteremo anche alle vittorie della Suzuki, il potenziale c’è, perciò abbiamo 4 case che si daranno battaglia…chissà se la Honda LCR riuscirà a vincere una gara!!!Perciò la grande sorpresa arriva dalla KTM e dalla prevedibile debolezza della Honda senza l’unico fuoriclasse della motogp

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Paolo Ciabatti: “Non sarà facile sostituire Andrea Dovizioso”

rins motogp

MotoGP, Manuel Cazeaux: “Alex Rins era pronto, ma l’incidente a Jerez…”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso e le strade per diventare campione