Johann Zarco a Valencia

MotoGP, Johann Zarco ‘agnello sacrificale’ della Honda

Johann Zarco estromesso dalla Honda qualora Alex Marquez firmasse con Honda. Il pilota francese non è entusiasta di passare in Avintia.

16 novembre 2019 - 16:56

Alex Marquez ad un passo dal box Honda, manca solo la conferma ufficiale del team. In Repsol o LCR, poco conta. L’agnello sacrificale di questa operazione last minute è Johann Zarco. Il francese ha rifiutato il ruolo di collaudatore Yamaha, sapendo che in HRC qualcosa si stava già muovendo. Jorge Lorenzo meditava l’addio alla MotoGP da mesi, già dopo la caduta di Assen. E non ne ha fatto mistero ad Alberto Puig e vertici Honda. Ora che la notizia è ufficiale la casa nipponica affonda il ‘colpaccio’ con una strategia di marketing di sicuro impatto. Alex Marquez ha sicuramente tutte le carte in regola per approdare in classe regina, ma sono in tanti ad essere inciampati all’esordio con la RC213V.

A farne le spese è Johann Zarco che, sebbene assunto da LCR Honda senza illusioni, aveva ricevuto un minimo di garanzie sul futuro. Carmelo Ezpeleta spinge per la sua permanenza in MotoGP, ma l’unico posto adesso libero è in Ducati Avintia, al posto di Karel Abraham. Una via di uscita che non piace al francese, in balia di una serie di scelte che rischiano di estrometterlo dalla Top Class. Prima il passaggio di Tech3 da Yamaha a KTM, il mancato contratto con Honda lo scorso anno, la scelta errata di KTM, il rifiuto della proposta Yamaha. Una serie di errori che mettono all’angolo del ring Johann Zarco. Con l’ingresso di Alex Marquez in Honda l’unica uscita di emergenza è in Avintia, con una moto che difficilmente potrà offrirgli le prestazioni richieste.

Rubén Xaus, direttore sportivo di Avintia Ducati, ha dichiarato a ‘DAZN’: “Per noi un pilota del livello di Zarco sarebbe ottimale, perché ci darebbe un livello importante. Crediamo che il team possa ospitare piloti di questo livello. Ma adesso non posso dire nulla. Siamo una squadra che vuole crescere, evolvere… Dimostriamo che meritiamo di rinnovare con Dorna per i prossimi 5 anni“. Ma la scelta coatta non piace per nulla a Johann Zarco.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati