Joan Mir Portimao

MotoGP, Joan Mir: “Mi piacerebbe un motore più veloce!”

La testa di Joan Mir rimane al 100% sulla pista dopo il titolo. Lo spagnolo ha le idee chiare sulle aree di miglioramento della Suzuki

20 novembre 2020 - 18:35

Il campione del mondo Joan Mir non cambia la sua mentalità dopo il titolo. A Portimao il numero 36 della Suzuki ha già improntato la sua testa al prossimo weekend e sul migliorare la moto, oltre a conquistare il titolo costruttori per la casa di Hamamatsu. Le montagne russe di Portimao sono state una sorpresa un po’ per tutti, ma il tracciato è piaciuto alla maggior parte dei piloti, Mir compreso.

“È una pista incredibile, mi sono divertito tantissimo. La giornata è stata buona, non mi aspettavo di essere così veloce oggi”, esordisce Joan. “Il circuito ha tante curve differenti, non è facile capire dove si deve dare di più e dove bisogna invece essere un pochino più gentili. È un tracciato speciale come Austin! Abbiamo bisogno che la gomma anteriore sia a contatto con l’asfalto ma con questi sali e scendi non è facile”.

Mir comincia poi a parlare delle aree su cui lavorare: “Sarà importante sistemare bene l’elettronica e lavorare un po’ sulle geometrie per avere un buon setting. C’è ancora tanto lavoro da fare su questo punto di vista, ma la cosa importante è che mi senta forte e bene sulla moto”. È ancora presto per parlare della scelta della gomma, ma lo spagnolo sembra avere le idee chiare: “Il feeling è stato buono sia con la gomma morbida che con quella media, vedremo poi con la dura se riusciremo a mantenere le stesse sensazioni”.

Se qualcuno pensava che la conquista del mondiale potesse cambiare qualcosa si sbaglia: “Quando c’è un weekend di gara devi essere completamente concentrato sulla pista. In MotoGP non sei veloce se non dai il 100%. Devi pensare a guidare e sinceramente sono contento perché sono la mia testa è improntata su come migliorare la moto e sul mio stile di guida per fare dei buoni giri”.

Joan Mir: “Se sono bello è grazie a mamma!”

Essere campione del mondo fa poca differenza: “In pista non cambia niente essere campioni o meno, mentre è un po’ diverso il tipo di pressione che ho in questo momento. Adesso sono più libero e rilassato, posso concentrarmi solo sulla guida. Il mio obiettivo è dare a Suzuki il titolo costruttori, potremo parlare di un grande weekend se dovessimo riuscirci”.

Joan Mir analizza poi le aree su cui Suzuki possa migliorare: “Mi piacerebbe un motore più veloce! Il mio amico Tito (Rabat) mi dice sempre che siamo un po’ lenti sui rettilinei ed effettivamente la velocità di punta non è uno dei nostri punti di forza. Ci sarebbero anche delle piccole cose sul telaio e un’altra cosa importante sarebbe avere maggiore grip per rendere la moto migliore”.

Dopo la conquista del mondiale si è parlato molto anche della famiglia di Mir, in particolare della mamma. Tutte le voci non sembrano infastidire Joan, che scherza sull’argomento: “Ho dovuto combattere con questo “problema”  fin da bambino con i miei amici, ma è un bene che mia mamma sia bella! Se io sono un bel ragazzo ed è proprio grazie a mamma (risata)!”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

miller motogp

MotoGP, Jack Miller: “Non potrò mai ringraziare abbastanza Ducati Pramac”

MotoGP, Carmelo Ezpeleta boss Dorna

MotoGP, Ezpeleta: “Calendario 2021 con 18 GP, Marquez senza obblighi”

canet moto2

Moto2, Aron Canet best rookie: “Peccato per la gara, nel 2021 obiettivi più alti”