MotoGP, Pecco Bagnaia e Jack Miller

MotoGP, Gigi Dall’Igna analizza il tracollo di Misano-2

Ducati dice addio alle ultime speranze di vincere il titolo piloti MotoGP 2021. Il commento di Gigi Dall'Igna: adesso resta il Mondiale Costruttori.

29 ottobre 2021 - 15:41

Il tracollo di Misano-2 è stato un duro colpo sui sogni Ducati in MotoGP, ma tutte le ambizioni sono rinviate al 2022. A Borgo Panigale hanno visto bene nel cambiare filosofia, puntando sui giovani piloti e su innovazioni tecnologiche che non sempre devono coinvolgere il motore. La vittoria iridata di Fabio Quartararo ha dimostrato che la potenza non è tutto, sebbene resti un pallino di Gigi Dall’Igna. Prima di tutto occorre costanza di risultati e nessuno dei suoi piloti finora ha dimostrato di averne abbastanza.

Pecco Bagnaia si è svegliato quando ormai Quartararo aveva accumulato un certo bagaglio di punti. E la caduta di Misano ha interrotto anzitempo le ultime speranze. KO anche per Jack Miller che punta il dito sulla gomma hard all’anteriore. L’onore della Ducati è stato però salvato da Enea Bastianini, partito 16° e arrivato sul podio. Johann Zarco si è risvegliato con una quinta piazza, Luca Marini ha ottenuto la prima fila in griglia. Un girandola di nomi, ma dal prossimo anno Pecco deve dimostrare di poter prendere in mano le redini del team e puntare dritto al titolo MotoGP, non ci saranno più alibi.

Il bilancio del direttore generale

Gigi Dall’Igna si complimenta con la Casa di Iwata, ha atteso Fabio in pit-lane per congratularsi.  Ma in cuor’ suo Ducati sa di aver mancato un’altra bella occasione. “Congratulazioni sincere alla Yamaha per questo meritatissimo titolo. Fabio Quartararo si è distinto per talento e costanza impeccabile, ottenendo sempre risultati di altissimo livello e commettendo il minor numero di errori rispetto al resto del gruppo“. Dalla prossima stagione bisognerà fare tesoro anche degli errori compiuti nella strategia pneumatici. Jack non ha nascosto che la scelta della dura all’anteriore gli è costata cara. Viceversa, il piemontese difende la sua scelta.

Si comincia a programmare il futuro, ma sia Pecco che Miller vogliono togliersi altre soddisfazioni nelle ultime due gare a Portimao e Valencia. In ballo c’è ancora il Mondiale Costruttori. “La massima concentrazione sarà imperativa negli ultimi due Gran Premi – ha aggiunto Dall’Igna -. Un plauso particolare merita il magnifico podio di Bastianini: un futuro che, per la nostra squadra, è già realtà. E infine, un pensiero molto speciale va a Valentino e alla sua straordinaria carriera, in quello che è stato il suo ultimo Gran Premio d’Italia“.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner detta la linea: cosa manca a Ducati per vincere

“Valentino Rossi meno gestibile di Fabio Quartararo”: la stoccata di Jarvis

MotoGP, Jack Miller e Jorge Martin

MotoGP, Jack Miller in bilico: “Ora capisco Dovizioso e Petrucci”