suzuki motogp

MotoGP, Davide Brivio: “La vittoria di Rins è uno stimolo per Mir”

Suzuki sempre più protagonista in questo 2020. Davide Brivio: "Piloti di talento ed ottimo pacchetto. Ma ora non pensiamo al campionato."

22 ottobre 2020 - 19:00

Il 2020 del team Suzuki, iniziato con varie difficoltà, sta migliorando in maniera esponenziale. Joan Mir ha preso il comando della classifica MotoGP, Alex Rins ha conquistato la prima vittoria stagionale dopo un importante infortunio che ha condizionato il suo campionato. Mancano quattro GP alla fine, il primo proprio questo weekend, e la casa di Hamamatsu ha tutta l’intenzione di voler essere protagonista fino all’ultima curva dell’ultima gara. In ogni caso è la miglior annata dal ritorno nella classe regina, ma perché non cercare il colpaccio…

“Certo non ci aspettavamo di trovarci in questa situazione” ha ammesso il team manager Davide Brivio in un’intervista prodotta dalla squadra. “Se pensiamo che nella prima gara abbiamo chiuso con un doppio zero… Ma da allora abbiamo compiuto costanti passi avanti: ora Alex è tornato a vincere e Joan comanda la classifica mondiale. Stiamo vivendo davvero un gran momento, dovremo giocare tutte le nostre carte fino alla fine.” A cominciare da un Mir ancora a caccia del primo successo MotoGP. “La vittoria di Alex è un incentivo, si spronano a vicenda verso risultati sempre migliori.”

Riguardo poi il risultato del #42, “Aveva iniziato l’anno al meglio, ma è arrivato l’infortunio. Negli ultimi due-tre mesi si è dovuto concentrare solo sul recupero. Ma era già arrivato vicino al successo in più di un’occasione, ottenerlo ad Aragón è stato speciale.” E sottolinea poi in generale la filosofia Suzuki di investire sui giovani, come sono appunto Rins e Mir. “Abbiamo un team che si impegna sempre al massimo, più due ragazzi giovani e di talento, che stanno lottando per le prime posizioni. Pensiamo non solo alle prossime gare, ma anche alle stagioni che verranno.”

Uno dei segreti di questi risultati? “La costanza, qualcosa che Joan Mir sta gestendo molto bene. Credo che nelle ultime cinque o sei gare sia il pilota che ha guadagnato più punti. Dobbiamo andare avanti così, ovvero continuare a salire sul podio e continuare ad accumulare punti. Sarà un fatto chiave.” La moto poi è apparsa competitiva più o meno in tutti i tracciati quest’anno. “La GSX-RR ha un ottimo pacchetto e siamo riusciti a far vedere di cosa siamo capaci. Speriamo che sia lo stesso anche a Valencia ed a Portimão.”

Mancano quattro gare alla fine, d’obbligo qualche occhiata in più alla classifica generale, ma Davide Brivio preferisce tralasciare certi pensieri. “Non abbiamo mai pensato seriamente al campionato” ha precisato. “Joan per prima cosa vuole vincere una gara, questo è anche il nostro obiettivo.” Anche nella conferenza stampa odierna tutti i piloti hanno indicato il maiorchino come possibile nono vincitore consecutivo. Riuscirà il #36 a conquistare questo tanto agognato risultato? Domenica avremo la risposta, ma certo è che il duo Suzuki è pronto per un altro GP da protagonista.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Torino Suzuki MotoGP

MotoGP: la maglia celebrativa del Torino F.C. per il Mondiale Suzuki

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”