MotoGP Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci: “Con KTM tanta trazione… anche troppa!”

Nuovi colori in MotoGP per Danilo Petrucci: il ternano commenta il primo giorno con KTM Tech3, sottolineando il bel clima nella squadra.

6 marzo 2021 - 21:28


Nuovo anno, nuova vita in MotoGP per Danilo Petrucci. Il ternano in Qatar ha potuto finalmente vivere il primo giorno in KTM dopo cinque anni di Ducati. Un cambiamento non semplice, specie dopo avere guidato per tanto tempo la stessa moto. ‘Petrux’ non è uno tuttavia che si fa spaventare e punta a raggiungere grandi traguardi con i nuovi colori. Il suo commento sul day 1 di test è positivo, pur consapevole che ci sia molto lavoro da fare.

“Ho cercato il feeling sulla moto, è stata una giornata piena ma sono contento alla fine dei giochi con le sensazioni”, esordisce. “Devo trovare un buon setup per la mia altezza, sono più alto e pesante rispetto agli altri piloti KTM”. Danilo prosegue con il racconto della giornata: “Abbiamo provato alcune cose, ma sicuramente c’è molto lavoro da fare. Sono contento comunque di avere guidato la KTM per la prima volta”.

Danilo parla dei punti di forza: “Puoi frenare molto forte e mi piace il moto in cui eroga la potenza. Inoltre ho tanta trazione, è un aspetto positivo”. Forse… anche troppo: “Carico molto il davanti e vado sempre un po’ largo. Avere così tanta trazione non mi aiuta a chiudere la curva”. Petrucci continua a parlare poi delle note liete: “Sono contento di avere trovato una moto affidabile, ma è soltanto il primo giorno anche se sono felice con quello che ho a disposizione. Da tanto tempo non provavo molte cose su una moto”.

“Il clima nella squadra mi piace molto”

“Come prima cosa volevo capire come fosse la moto”, continua. “Posso essere molto aggressivo sui freni, forse anche troppo. Devo trovare un equilibrio, uno dei problemi odierni è stato lasciare i freni e far girare la moto. Ovviamente bisogna tenere conto delle condizioni non ottimali della pista, è stata una giornata intensa”. Bisognerà fare le cose passo dopo passo: “Sono stato più veloce con le gomme usate. Mi fa piacere, significa che lavoro bene con gli pneumatici, ma non riesco a migliorarmi con coperture fresche”.

Troppo presto parlare di obiettivi: “Si tratta solo del primo giorno, anche se è vero che due secondi dalla vetta sono abbastanza. Dobbiamo trovare innanzitutto una base e trovare un equilibrio sulla moto. Girare più forte con una gomma usata può aiutare a capire quale direzione prendere. Il primo obiettivo è stare vicino alle posizioni di vertice e essere più veloce di oggi. Voglio essere competitivo e lottare per stare davanti”.

Archiviate le questioni tecniche, Petrucci parla del clima che si respira nel nuovo team. “Molto bene, tutto per me era nuovo oggi. C’erano tante persone intorno a me che mi hanno aiutato e l’atmosfera è davvero buona, rilassante. Vogliono darmi una mano e nel nostro box sono arrivate anche persone dal team factory”. Un aspetto che potrà aiutare Danilo: “Ho trovato un bell’ambiente che mi piace molto. Sono sicuro che questo possa darmi una mano”.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, circuito di Misano

MotoGP, meccanico espulso dal paddock: test PCR falsificato

daniel holgado moto3

Moto3: Daniel Holgado a Misano e Portimao al posto di Öncü

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: il commiato di mamma Stefania e papà Graziano