MotoGP Francesco Bagnaia

MotoGP, Bagnaia prova a guidare le Ducati vs Yamaha: “Bisogna fermarle”

Francesco Bagnaia manca di poco la prima fila in qualifica, ma partirà vicino le Yamaha e.. Miller: "Jack è stato bravo a sfruttare la mia scia".

1 maggio 2021 - 18:15

Francesco Bagnaia è meno sorridente rispetto a ieri, ma può comunque ben sperare per la gara di domani di MotoGP. Dopo il super giro effettuato nelle libere del venerdì probabilmente si aspettava la prima fila, ma la 4° posizione subito dietro le Yamaha non è una sconfitta. Per la gara servirà però mettersi davanti il prima possibile, onde evitare che Quartararo Morbidelli scappino via. A tale scopo, Miller Zarco potrebbero essere ottimi alleati.

“Dobbiamo lavorare ancora sulla velocità, ma la qualifica è stata buona”, esordisce. “Al momento sono abbastanza contento. Abbiamo avuto un piccolo problema che ci è costato qualche minuto ma siamo riusciti a gestirlo”. Chiara la scelta di gomme: “Useremo la doppia media: Fabio (Quartararo) ha usato la dura ed è andata bene, ma per noi la media è meglio. In FP4 mi ha fatto strano invece vedere tanti piloti su gomme nuove, generalmente si fa il turno con quelle usate”.

Sulla strategia zero dubbi: “Partire meglio delle Yamaha e rallentarle fin dall’inizio. In questo modo dovranno usare più gomma per superarci, ma fare una tattica è difficile. Cercherò di mettermi davanti”. Le Yamaha sembrano le favorite: “Hanno più trazione di noi per ora. Ci stiamo lavorando, sarà fondamentale rimanere costanti e usare il grip iniziale delle gomme. Loro sono più incisivi in quella fase, ma non riesco a pronosticare la gara. Io sono contento del passo, l’ho migliorato di quasi mezzo secondo e ho fatto un bel giro nella FP4 con una gomma con 26 giri sulle spalle”.

“Quando sei veloce come a Portimao sei più tranquillo, ma un 4° posto su una pista difficile per noi non è male”, analizza. “Con il vento e il grip delle gomme da qualifica non mi sono trovato bene, sinceramente mi aspettavo di più visto ieri”. Un sabato dove non sono mancati grandi rischi: “Ho rischiato di cadere tante volte, tra cui un violento highside in curva 7”. Fortunatamente è uscito il giro, anche se Miller ha ‘rubato’ la prima fila: “Ha sfruttato bene la mia scia per fare il tempo, ma anche noi partiamo abbastanza avanti”.

Bagnaia commenta infine la regola dei track limits: “Hanno aumentato i controlli. Vinales a Portimao è andato di quattro centimetri fuori, Franco (Morbidelli) invece oggi è andato fuori con entrambe le gomme. La pista è una e devi starci dentro, se esci hai sbagliato”. Molto più critico sulle bandiere gialle: “Anche questa mattina ho rischiato di rimanere fuori per la caduta di Lecuona e Marquez, altrimenti avrei fatto il 1° tempo. Quando cade un pilota è giusto abortire un giro, ma in alcune fasi vanno riviste le regole. Ne abbiamo parlato in Safety Commission ma abbiamo preferito rimanere così per ora”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco