MotoGP Bagnaia

MotoGP, Bagnaia fa la differenza ma frena: “Mi sento al pari di Jack Miller”

Francesco Bagnaia vola nel venerdì di MotoGP ed è l'unica Ducati al top a Jerez. 'Pecco' però vola basso: "Non mi sento il leader Ducati in questo momento"

30 aprile 2021 - 18:20

Francesco Bagnaia vola nel venerdì di MotoGP Jerez ma continua a mantenere un profilo basso. La sua Ducati, insieme a quella di Zarco, è l’unica in top 10, ma soprattutto spicca la differenza rispetto ai pari marca, Jack Miller in primis. A detta dell’italiano, manca ancora qualcosa a livello di ritmo, ma traspare soddisfazione per una giornata che lo ha visto al comando e per una velocità che al netto di alcune mancanze, pare esserci.

“Morbidelli il riferimento per ora”

“Andiamo forte in una pista non adatta per la nostra moto, è una buona cosa”, asserisce Bagnaia. “Dobbiamo gestire meglio la gomma, il time attack non è un problema. Mi piace farli e mi diverto, penso che questa cosa aiuti”. Sul passo invece ‘Pecco‘ nomina subito il rivale: “Morbidelli oggi è stato velocissimo, dobbiamo avvicinarci a lui, anche se siamo felici per il momento”.

“Il mio stile aiuta su questa pista”

Come detto, quella di Bagnaia è l’unica Ducati al vertice: “Posso frenare molto forte rispetto agli altri e farla girare di più. Non so perché, ma il mio stile è un pochino differente e probabilmente qua aiuta”. È presto però per fare proclami: “Mi piacerebbe che Ducati tornasse a vincere a Jerez, ma dobbiamo aspettare e continuare a lavorare bene. Siamo in una buona forma e sulla strada giusta”.

“Partire davanti un 40% della gara”

Un aspetto importante sarà la qualifica: “Superare in questa pista è difficile, quindi partire dalla prima o seconda fila sarebbe l’ideale. Una partenza davanti è un 40% della gara”. Per farlo servirà spingere da subito: “Sono contento di avere sistemato questo aspetto, mi mancava lo scorso anno dove facevo fatica. Cercavo di andare subito forte ma non avevo il feeling con l’anteriore oppure cadevo, quest’anno invece il feeling con il davanti è perfetto”.

“Sento le modifiche in ogni particolare”

“Se spingo so di poter andare forte, mi aiuta e la confidenza fa la differenza”, continua. “Riesco ad entrare, spingere e andare forte. Ciascuna modifica la sento in ogni particolare, è soddisfacente vedere questa cosa”. Una iniezione di fiducia: “Siamo ad un buon livello, inoltre vedere che le cose funzionano aiuta ad andare più forte, anche nei time attack”.

“Non mi sento il leader Ducati”

Bagnaia al momento è la migliore Ducati, ma frena sul suo status. “Non mi sento il leader, sto lavorando per essere il più veloce possibile in ottica gara e cercare di dare il 100%. In futuro magari se mi giocherò il mondiale potrei sentire questa responsabilità. In questo momento, però, mi sento al pari di Jack Miller”.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Max75BA
22:38, 30 aprile 2021

…il prossimo step è vincere un gp e anche tenere sott’occhio il “buon!” Fabio che ti precede…Forza Bagnaia

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”