Andrea Dovizioso Test Jerez

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non possiamo perdere punti preziosi”

Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci non hanno avuto aggiornamenti di rilievo nel test di Jerez. Il pilota umbro: "Nulla che permetta di fare passi avanti".

6 maggio 2019 - 21:15

Poca carne sul fuoco per Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso nel lunedì di test a Jerez. In casa Ducati i due alfieri hanno lavorato soprattutto su alcuni set-up estremi da utilizzare in precise condizioni durante il campionato. Simbolici i tempi e la classifica finale: Andrea Dovizioso 11° in 1’37″601, Danilo Petrucci 14° in 1’37″720.

Quasi nessuna novità tecnica per la GP19 che vanta una base ottimale, ma che richiede interventi in percorrenza di curva. “Sapevo che non ci sarebbe stato niente di importante da provare. Ho lavorato su setting estremi – ha detto Andrea Dovizioso a Sky Sport -, rivedendo la gara avrei dovuto fare qualcosa di diverso. La nostra base è buona, ma non basta“. Il ducatista pensa già al prossimo GP in Francia, dove sarà vietato mancare l’appuntamento con il podio: “Non possiamo perdere punti preziosi dopo due quarti posti. Vogliamo e possiamo giocarcela di più”. Le configurazioni provate nel test IRTA a Jerez “si possono usare sempre, sono indicazioni da usare all’evenienza. Abbiamo provato una gomma che era l’evoluzione della media del week-end e andava meglio“.

Danilo Petrucci ha fatto un piccolo passo avanti nella gara di Jerez, ma occorre alzare l’asticella. La classifica al momento gioca ancora a suo favore nella sfida con Miller per aggiudicarsi un posto nel team factory per il 2020. Petrux confessa che quasi nessun miglioramento è stato compiuto al termine del lunedì andaluso: “Nulla che ci abbia permesso di fare passi avanti“. Ha lavorato soprattutto con gomme usate per ottimizzare la gestione dei pneumatici nella seconda parte di gara. “Il turning non è perfetto al momento, significa che non possiamo fare una buona curva senza perdere velocità“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati