alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Sarà un altro anno strano. E se Márquez tornasse presto…”

Alex Rins si prepara alla nuova stagione, prendendo tutte le precauzioni possibili e con una spalla in costante miglioramento. "Punto a salire ancora di livello."

6 febbraio 2021 - 15:26

In attesa di tornare in azione per i primi test MotoGP ufficiali, ci si allena come possibile, dividendosi tra motocross e piste con moto stradali. Non è da meno Alex Rins, che con tutte le precauzioni del caso si sta organizzando per prepararsi alla nuova stagione. Poca fortuna a Portimão a causa del meteo, ora si trova ad Almería per continuare i suoi allenamenti. Certo il pensiero va alla nuova stagione: il pilota Suzuki si aspetta un’annata molto simile a quella 2020, con cancellazioni e cambiamenti vari. Nonostante tutto però non vede l’ora di ricominciare a competere.

“Sono contento perché non ho contratto il virus, è abbastanza pericoloso. Sto cercando di mantenermi al sicuro, in attesa dei primi test e delle prime gare.” Inizia così il suo blog nel sito Suzuki, a dimostrare una volta di più quanta attenzione sia necessaria in questo periodo. È dispiaciuto di non poter andare in Malesia, ma sottolinea una situazione che certo avrà qualche riflesso anche sul Mondiale MotoGP 2021. “Non sappiamo ancora come andrà la stagione” ha ammesso. “Probabilmente ci saranno cancellazioni e cambi per venire incontro alla situazione nel mondo. Ma non vedo l’ora di cominciare, anche se dovremo affrontare un altro anno strano.”

Una volta di più, non manca un commento sulla partenza di Davide Brivio, parte importante della rinascita Suzuki fino all’anno scorso. “Sarà strano non vederlo durante i GP, abbiamo instaurato un ottimo rapporto e mi ha sempre dato buoni consigli. Gli auguro buona fortuna! Ma spero di rivederlo magari ad alcune gare magari come ospite.” Spiega poi come si sta allenando. “Palestra, motocross, cardio… Un po’ di tutto. Ma pure stock bike, go-kart, per essere in modalità gara.” Sottolineando poi anche che “Il recupero della mia spalla procede bene, è un vero sollievo.”

Il 2021, come ha detto, sarà un altro anno strano, ma certo intenso. “Il mio compagno di squadra e gli altri rivali saranno molto competitivi. L’anno scorso abbiamo visto tanti vincitori diversi ed erano tutti molto vicini fino alla fine. La costanza sarà come sempre molto importante, ne verrà fuori una stagione emozionante.” Evidenzia in particolare due piloti: “Joan certo sarà rapido avendo vinto il titolo l’anno scorso, e se Marc Márquez sarà in grado di tornare presto i valori si mescoleranno ancora.” A livello personale, “Punto a salire ancora di livello, ripartendo dai successi del 2020.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022

Luca Marini MotoGP

MotoGP, Valentino Rossi: “L’anno prossimo vedremo un altro Luca”