MotoGP, Alex Marquez

MotoGP, Alex Márquez: “In Malesia sapremo i piani della Honda”

Alex Márquez nel test di febbraio in Malesia conoscerà le caratteristiche della sua Honda RC213V. In inverno dovrà allenarsi senza suo fratello Marc.

4 dicembre 2019 - 14:52

Alex Márquez approda in MotoGP da campione del mondo, non è più solo il fratello di Marc. Il traguardo iridato è arrivato dopo la caduta di Jerez, quando il team ha lavorato a ritmi incredibili per riparare la moto. Poi le tre vittorie consecutive che hanno dato inizio alla marcia trionfale. “La cosa difficile di quest’anno è stata controllare tutti i rivali, perché ce ne sono stati molti e non puoi concentrarti solo su uno“. Fino al Red Bull Ring ha accumulato un notevole vantaggio, dopo di che ha saputo gestire con saggezza, ma non senza qualche rischio.

Quando le porte della classe regina sembravano irreversibilmente chiuse per il 2020, l’annuncio a sorpresa di Jorge Lorenzo ha spianato la meritata ascesa. Una sella scomoda per chiunque, al fianco dell’otto volte campione del mondo. Per di più se si tratta di suo fratello. Una scelta coraggiosa che rischia di compromettere la sua carriera in caso di fallimento. “La vita consiste nel realizzare sogni e sono liberi. Lavori per arrivare in MotoGP. Si sono verificate circostanze, è un altro sogno, è una sfida che mi motiva molto e voglio affrontarla“.

I primi test lo vedono ancora lontano dai tempi di vertice, ma rientra nelle previsioni. Ha iniziato con una Honda RC213 ‘standard’, senza le varie modifiche richieste da Jorge Lorenzo. Solo dal prossimo anno penserà a come personalizzare la moto, del resto lo sviluppo compete a suo fratello Marc e a Cal Crutchlow. “La cosa più importante è che non ci siamo fermati – ha proseguito Alex Márquez -. Ogni volta che uscivamo stavamo meglio. Non era logico provare la moto 2020 perché stiamo cercando di capire come andare veloce… Dovremo parlare in Malesia per vedere qual è il piano della Honda, ma penso che ci dia la stessa moto. Nel frattempo, più informazioni abbiamo, meglio è“.

La sua preparazione invernale dovrà prescindere dal fratello Marc, in fase di riabilitazione dopo l’intervento alla spalla. “Marc sta meglio rispetto ad un anno fa, ma sa che ci vorrà lo  stesso tempo. L’anno scorso, a causa dell’operazione di Marc, ho dovuto cercare alternative di allenamento con Vierge, Sergio García e qualcun altro, e quest’anno sarà lo stesso. Mi è stato detto che soffri molto per il caldo della Malesia in MotoGP – ha concluso Alex Márquez – e devo arrivare pronto per il test”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”