motoe granado ferrari aegerter

MotoE: Dominio Granado, Ferrari insegue, sorpresa Aegerter

Granado impone la sua legge, Ferrari cerca qualcosa in più, esordio con podio per Aegerter. I tre volti del primo fine settimana MotoE.

19 luglio 2020 - 18:39

Eric Granado, Matteo Ferrari, Dominique Aegerter: sono questi i tre volti sul podio nella prima gara MotoE dell’anno. Il primo ha letteralmente imposto la sua legge fin dal venerdì: primo in tutte le libere, pole position, vittoria e giro record. L’italiano ha iniziato con un secondo posto la difesa del suo titolo: maggiore pressione sulle sue spalle quindi, ma l’alfiere del team Gresini è carico per questa stagione. Infine c’è il terzo, all’esordio in questo campionato e capace di salire sul terzo gradino del podio.

Granado: “Mi sono impennato al via!”

La gara è stata un assolo di Eric Granado: ottimo scatto in gara, la perdita della prima piazza per poche curve, il sorpasso e la fuga verso la vittoria. “Un gran fine settimana” ha dichiarato con il suo caratteristico largo sorriso. “Ho imparato tanto dall’anno scorso, quando ho commesso troppi errori. Non ero costante e cadevo in tante gare.” Ma rivela anche che “Alla partenza mi sono impennato! Non era mai successo prima: forse è dovuto alla nuova coppia, ma lavoreremo perché non succeda di nuovo!”

Anche questo ha portato al sorpasso ai suoi danni da parte di Tulovic, che gli scattava accanto dopo l’ottima qualifica di sabato. “Ho cercato di superarlo il più velocemente possibile” ha aggiunto Granado. “L’obiettivo era poi realizzare un buon giro: sono riuscito poi ad allontanarmi ed a mantenere il controllo.” Non mancano i ringraziamenti. “Sono grato alla mia squadra, a tutti quelli che mi supportano dal Brasile, ed a MotoGP per averci permesso di tornare a competere.”

Ferrari: “Quell’errore ad inizio gara…” 

Matteo Ferrari, reduce da una stagione trionfale, inizia il 2020 da campione MotoE in carica. La prima gara gli porta un secondo posto ed i primi punti importanti in campionato, ma la sensazione del pilota del team Gresini è che avrebbe potuto fare di più. Soprattutto senza un errore iniziale che gli ha fatto perdere contatto col pilota brasiliano. Ma avrà l’opportunità di rifarsi molto presto: tra appena sette giorni ci sarà la seconda gara stagionale, sempre a Jerez de la Frontera.

“Purtroppo ho fatto un piccolo errore all’inizio della gara” ha ammesso. “Mi ha fatto perdere troppo terreno su Granado, è stato impossibile ridurre il distacco. Sono rimasto concentrato e sono riuscito a riprendere la seconda posizione.” Una buona partenza, ma non basta al campione in carica. “Possiamo sicuramente fare qualcosina in più già la prossima settimana. Ringrazio la mia squadra che ha fatto davvero un lavoro enorme e mando un abbraccio a Zaccone.”

Aegerter: “Che gara corta!” 

Esordio con podio, davvero un’ottima prima gara per Dominique Aegerter. Già nei test di marzo e di mercoledì scorso l’esperto pilota svizzero aveva dimostrato un buon feeling con la Energica Ego Corsa, ed in gara l’ha dimostrato. La sua non è stata la migliore partenza, ma è riuscito a recuperare, puntando nel finale anche al secondo posto di Ferrari. Alla fine conquista il terzo gradino del podio: sarà sicuramente uno dei piloti da tenere d’occhio in questa stagione.

“La gara è stata davvero corta” ha ammesso l’alfiere Intact GP. “Al via poi ho perso quattro posizioni, è stato abbastanza sorprendente. Sono riuscito però a concentrarmi ed a rimontare il più velocemente possibile. Finire la mia prima gara MotoE sul podio è fantastico, ma soprattutto è stato bello tornare a correre. La prossima settimana saremo di nuovo a Jerez, i dati raccolti in questi giorni ci saranno utili. Ringrazio la squadra per il grande lavoro, ma anche Dorna per aver reso possibile questa stagione.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso ad Aragon

MotoGP, gelo Petrucci-Dovizioso: Ducati prova a intervenire

MotoGP Aragon 2020

MotoGP, Mir-Quartararo-Vinales-Dovizioso: Coronavirus primo avversario

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò e il pronostico su Andrea Dovizioso