masia moto3

Moto3 Teruel, Gara: Masiá di nuovo in trionfo, Sasaki primo podio

Jaume Masiá si ripete, ecco la seconda vittoria consecutiva. Prima volta sul podio per Ayumu Sasaki 2°, 'ritorno' per Kaito Toba terzo.

25 ottobre 2020 - 12:07

A quanto pare il MotorLand Aragón piace molto a Jaume Masiá, che chiude questa doppia tappa con ben due vittorie. Dopo il ritorno al successo di sette giorni fa, l’alfiere Leopard si ripete e trionfa di nuovo al fotofinish. Honda conquista un altro grande risultato, visto che ora sono 800 vittorie in tutt’e tre le categorie. Festa grande anche in casa Tech3, che conquista il primo podio con Ayumu Sasaki, mentre è un ‘ritorno’ per Kaito Toba, che non chiudeva in top 3 dallo storico trionfo di Losail 2019. In ottica iridata, Albert Arenas è 4° al traguardo davanti a Celestino Vietti, 9° Ai Ogura seguito da Tony Arbolino: il leader Moto3 guadagna ancora qualcosa, con tre gare rimaste da disputare.

PENALITA’ PRE-GARA

Dopo l’ufficializzazione delle nuove misure per ‘eccessiva lentezza’, ecco che arrivano già le prime sanzioni. Nello specifico Barry Baltus, Alonso López e Khairul Idham Pawi dovranno scontare una Long Lap Penalty in gara perché troppo lenti nel corso della Q1 di sabato. Segnaliamo poi il GP numero 100 per Tatsuki Suzuki: nono in griglia, riuscirà a portare a casa un risultato di rilievo? Purtroppo non potrà festeggiare nel migliore dei modi, come vedremo in seguito…

LA GARA 

Scelta di gomme pressoché uniforme in questa occasione, uniche eccezioni il rookie Alcoba e Pawi (qui la tabella). In pista, scatta al meglio Arbolino, ma il poleman Fernández gli ritorna davanti già alla prima curva, seguito da Vietti e Arenas. Battaglia serrata fin da subito, con anche Sasaki e Rodrigo in particolare che insidiano la testa della corsa, ma senza sottovalutare Toba, Binder (rimonta di 12 posizioni al via) e tanti altri. La maggior parte dei giri infatti è caratterizzata dal lungo trenino composto da tutti i piloti, senza che nessuno in particolare riesca a fuggire.

Da registrare presto un 1:57.976, nuovo record assoluto stampato da García (gran rimonta al via anche per lui). È una lotta serrata, che se possibile si infiamma ancora di più negli ultimi giri: sfortunati García e Suzuki, a contatto proprio nelle ultime curve. Masiá invece si impegna nella replica di quanto fatto lo scorso weekend: ecco il secondo trionfo consecutivo! Completano il podio due ragazzi del Sol Levante, Ayumu Sasaki e Kaito Toba. Primo podio per l’alfiere Tech3, un ‘ritorno’ per il pilota di Aki Ajo, che mancava la top 3 dal Qatar 2019.

LA CLASSIFICA

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Torino Suzuki MotoGP

MotoGP: la maglia celebrativa del Torino F.C. per il Mondiale Suzuki

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”