Moto3, Sachsenring: Lorenzo Dalla Porta, vittoria e leadership iridata

Lorenzo Dalla Porta conquista la prima vittoria del 2019. Secondo Marcos Ramírez, terza piazza per Aron Canet davanti a Romano Fenati.

7 luglio 2019 - 11:52

L’ha cercata a lungo in queste prime gare della stagione, ‘accontentandosi’ spesso poi del secondo posto. Arriva invece al Sachsenring la vittoria per Lorenzo Dalla Porta, la seconda in carriera ma la prima del 2019, diventando il nuovo leader iridato. Doppia festa in casa Leopard con il secondo posto di Marcos Ramírez, terzo è Aron Canet, che completa una grande rimonta dalla 22° posizione. Appena giù dal podio (65 millesimi) c’è Romano Fenati, al miglior risultato stagionale.

L’acquazzone notturno è alle spalle e, anche se il cielo è ancora abbastanza nuvoloso, la pista si ormai asciugata e la gara viene dichiarata asciutta. Ottimo lo scatto al via in particolare di Fenati, subito davanti a Ramírez e Toba. Brividi poco dopo, quando finiscono a terra alla curva 3 Rodrigo e López: rimasti in pista, vengono fortunatamente evitati dai piloti che seguivano. Nello stesso punto poco dopo cade anche il rookie Booth-Amos. Gara come sempre con un gran numero di piloti in aperta competizione per la zona podio. A metà, Ramírez prova a guadagnare qualche decimo, ma si riagganciano altri sei piloti. spezzando così il gruppo.

In seguito Arenas e Toba cadono alla prima curva in due incidenti distinti, finisce anzitempo anche la gara di Vietti, Foggia e Binder, per cadute diverse. Battaglia senza esclusione di colpi fino alla bandiera a scacchi, quando è Lorenzo Dalla Porta a cogliere il primo successo stagionale. Doppietta Leopard con Marcos Ramírez 2°, segue Aron Canet davanti a Romano Fenati (non manca una discussione finale tra i due, che non sono d’accordo su alcune manovre negli ultimi giri).

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”