pedro acosta moto3

Moto3 Sachsenring: Pedro Acosta li beffa tutti e torna a vincere

Pedro Acosta, quarta strepitosa vittoria in 8 GP per il rookie e leader Moto3. Podio per Toba e Foggia (per sanzione ad Alcoba), ma quanti incidenti...

20 giugno 2021 - 11:45

Ormai si sprecano gli aggettivi per Pedro Acosta. Già vincitore in Red Bull Rookies Cup su questa pista, ecco che mette a referto la quarta vittoria mondiale in 8 GP disputati. Il rookie e leader Moto3 li frega tutti in volata finale, allungando ancora in classifica generale. Seconda piazza al traguardo per Kaito Toba, protagonista dall’inizio alla fine ed al primo podio stagionale (nonché il primo dal 3° posto di Teruel 2020). Sale sul terzo gradino Dennis Foggia, che eredita il risultato in pista di Jeremy Alcoba, sanzionato per track limits.

La gara 

Ottimo scatto al via del poleman Salac, ma niente male anche Toba, che brevemente passa al comando. È Suzuki però a riuscire a prendere presto la testa della corsa sul connazionale, che però non molla. Come sempre, ecco il gruppetto di battaglieri piloti in lotta per la zona podio dal quale poi si staccherà Binder per sanzione. Tra loro il rookie e leader iridato Acosta, oltre ad un buon numero di nostri portacolori, mentre saluteremo il poleman… In seguito il gruppo si sgranerà sempre più anche a causa dei tanti incidenti a referto (in basso l’elenco completo), finché non rimangono in circa 10 piloti in fuga. Serve come sempre una volata finale per decretare il vincitore: torna al successo Pedro Acosta, che allunga decisamente in classifica generale. Secondo è Kaito Toba, terzo sarebbe Alcoba, che perde però una posizione per track limits: Dennis Foggia ringrazia e sale sul podio.

Sanzioni e cadute 

Darryn Binder è stato squalificato in Q2 per l’incidente con Kelso, ma dovrà scontare anche un ride through in questa corsa. Pochi giri ed ecco un incidente per il rookie Fernández, finito nella ghiaia alla prima curva: riparte e ci prova, prima di tornare al box. Finisce invece la gara di Kunii, da subito nelle zone alte ma caduto alla curva 13 dopo un contatto con Masiá. Che viene sanzionato in seguito con una Long Lap Penalty. Finirà giù anche Rodrigo alla curva 5, un violento highside dal quale per fortuna si rialza senza problemi, in seguito Long Lap per Bartolini per limiti di pista. Contatti tra Fenati (sanzionato con un Long Lap), Öncü, Fellon e Yamanaka, con il turco ed il francese a terra. Brutta delusione per Salac, dalla pole al ritiro… Cadranno poi pure Rossi, Masiá (contatto con Foggia), Yamanaka (che falcia Nepa e colpisce anche Fenati, rimasto in piedi). Sanzioni infine anche per García e Suzuki per track limits (retrocessi di una posizione), oltre a quella di Alcoba che gli fa perdere il podio.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

La classifica

La classifica iridata

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
12:06, 20 giugno 2021

Acosta ha da 17 anni da un mese e li sta massacrando tutti con costanza e lucidità di gara. Piloti che sono lì da 6-7 anni dovrebbero prendere spunto da come corre un vero fuoriclasse. Foggia aveva preso 5 decimi di secondo. ma la staccata di Acosta è semplicemente inarrestabile.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

CEV Moto2/Moto3: López e Rueda in pole al MotorLand Aragón

Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: una sola speranza per il ritorno

MotoGP, Zeelenberg-Razali-Stigefelt

MotoGP, Valentino Rossi e Franco Morbidelli “rimandati” al II semestre