sic58 moto3

Paolo Simoncelli, bilancio amaro: “Sottotono con prestazioni incolori”

Paolo Simoncelli commenta con rammarico il difficile 2020. Ma ringrazia Dorna, oltre a fare i complimenti ai suoi ex piloti Tony Arbolino e Yari Montella.

27 novembre 2020 - 15:46

Non era esattamente il 2020 che Paolo Simoncelli aveva sperato per la sua squadra. Anzi, tutt’altro: non mancano i ringraziamenti a Dorna per aver fatto partire il Mondiale, ma per quanto riguarda il suo team Moto3 non è andata come da programma. Traspare quindi molta delusione dal resoconto finale del boss SIC58 Squadra Corse, ma si guarda già al 2021 con speranza e fiducia. Con l’augurio anche di riuscire a tornare presto alla “antica” normalità.

“Dobbiamo solo essere grati nonostante tutto” ha scritto Paolo Simoncelli nel suo blog. L’hanno rimarcato tutti: vista la situazione attuale non era così scontato pensare di essere in grado di disputare un campionato… “Questo immenso circo chiamato Motomondiale è riuscito ad andare avanti” ha sottolineato. “Dobbiamo ringraziare Dorna che ha gestito perfettamente i fili e lo ha portato a termine.” Come ha dichiarato anche il dottor Zasa nella nostra intervista, “Se ci avessero chiesto ad aprile, non ci avremmo mai scommesso.”

Ma Simoncelli usa la parola “finalmente” parlando della conclusione della stagione. Non solo per gli spostamenti, pesantemente condizionati dalle restrizioni dovute alla situazione attuale, ma anche per l’anno in sé. “Tutti i nostri ambiziosi programmi sono andati in fumo” ha ammesso con rammarico. “Non abbiamo concretizzato nulla di quello che avevamo prestabilito: all’inizio su di noi ci avevo scommesso. Con entrambi i piloti non è stato quello che ci aspettavamo.”

Scende poi nel dettaglio. “Dopo un inizio travolgente con tre pole di fila, Tatsuki si è spento del tutto proprio a Misano, con la sua frattura del polso. Siamo arrivati a Portimao con tre cadute di fila alle spalle, non sempre per colpa sua.” Per quanto riguarda Antonelli, “Con Niccolò è andato tutto al contrario. Inizialmente non era in forma, poi verso la fine ha concluso con le prestazioni migliori della sua stagione.” Il bilancio non è positivo. “Siamo stati sottotono con prestazioni incolori.” 

Non mancano però alcuni complimenti a due suoi ex piloti, in bella evidenza in questo 2020. “Vorrei fare i miei complimenti a Tony Arbolino, cresciuto con noi dal 2014 quando era alto solo 1 metro ed al debutto con noi nel mondiale 2017. Io l’ho sempre chiamato “artista delle moto”, ho sempre saputo che fosse una promessa. Anche un altro nostro ex pilota, Yari Montella, approderà in Moto2 nel 2021. Questo mi rende fiero e orgoglioso del lavoro che stiamo facendo con questi ragazzi giovani.”

La stagione attuale è ormai conclusa, si pensa già alla prossima. Con un augurio. “Da poco è uscito il calendario gare 2021, provvisorio, sperando che tutto torni presto alla normalità. La cara vecchia e semplice normalità, che porterà con sé il caotico paddock, risvegliato da un fervente entusiasmo dopo un anno di assenza, le hospitality brulicanti di persone e gli spalti così pieni di rumore e di tifosi. Sogniamo ancora? Assolutamente! In questo 2020, sognare è l’ unica cosa che non ci possono togliere.”

1 commento

fzanellat_12215005
21:14, 27 novembre 2020

Nicolò Antonelli sono anni che naviga nella metà classifica dello schieramento.
Non ha dimostrato di essere un top rider della
categoria.
T.Suzuki ha dimostrato maggior potenziale,ma è
caduto troppe volte.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Stefan Bradl

MotoGP, Stefan Bradl: “Rispettiamo la passione di Valentino Rossi”

MotoGP, Aleix e Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò: “Sono pilota grazie a mio fratello Aleix”

MotoGP, Valentino Rossi a Portimao

MotoGP, Valentino Rossi: “Nel 2006 ho buttato un titolo, nel 2015 il furto”