fenati lopez moto3

Paolo Simoncelli: “I gesti sportivi, quelli che verranno ricordati nel tempo”

SIC58 Squadra Corse, GP da dimenticare. Ma Paolo Simoncelli sottolinea tre momenti: l'atteggiamento dei suoi piloti Casadei e Suzuki, più l'abbraccio tra López e Fenati dopo il botto.

14 ottobre 2020 - 10:55

Purtroppo per SIC58 Squadra Corse il fine settimana a Le Mans è stato tutt’altro che memorabile. Tante difficoltà giorno dopo giorno in Moto3, per finire con un doppio zero in gara, a cui aggiungere il sogno del titolo MotoE sfumato con Mattia Casadei. Ma oltre alle delusioni ci sono anche gesti da ricordare: è a questo che pensa Paolo Simoncelli, chiudendo con un bilancio non proprio positivo della tappa francese ma allo stesso tempo con il team determinato a riscattarsi ad Aragón.

“Un fine settimana che ti fa arrivare a domenica pomeriggio dicendo: “Via, via, via! Andiamo a casa!” Come sempre, non usa mezzi termini. Ma vuole ricordare alcuni eventi positivi, tre in particolare, a cominciare dal suo alfiere MotoE. “Sabato era ad un passo dalla Superpole e dalla prima fila, ma è caduto, mandando in frantumi tutti i sogni.” Ma non rimane a lungo arrabbiato con Mattia Casadei. “Dallo schermo l’ho visto alzarsi, affranto e demoralizzato, e andare verso la moto per dargli una carezza prima di tornare al box.” Un vero peccato, visto che arriva a -15 dal leader e non ha potuto giocarsela fino in fondo…

Passa poi alla Moto3 con Tatsuki Suzuki, fresco di rinnovo ed al rientro da un infortunio al polso sinistro. Una lesione al momento ben lontana dall’essere superata. “La sua voglia di continuare a crederci” sottolinea Simoncelli riferendosi al suo ‘giapporiccionese’. “Dopo il giro veloce in gara è caduto, rialzandosi arrabbiato e tirando un pugno di ghiaia nell’aria.” Un finale certo deludente, ma il boss SIC58 guarda altro. “Questo mi fa capire quanto crede in quello che fa questo ragazzo. Con dodici punti, una placca e un osso che fatica a ricomporsi, è li che rischia ma non molla.” 

Ma c’è un altro episodio infine che Paolo Simoncelli vuole rimarcare. “La sportività di Romano Fenati” ha aggiunto. Il pilota ascolano è stato sfortunato protagonista di un incidente causato dal compagno di box Alonso López. Eccezion fatta per la momentanea sorpresa, nessun gesto di rabbia, solo fair play tra i due ragazzi. “Romano è stato tamponato in gara dal suo compagno di squadra, ma si è subito rialzato e, invece di insultarlo, l’ha solo abbracciato.” Aggiungiamo, non è finita qui, visto che i due hanno continuato a parlare al box: affranto lo spagnolo, mentre ‘Fenny’ ha cercato di consolarlo anche con un buffetto.

Piccoli gesti da parte di tutti questi ragazzi che danno sempre tutto e di più in pista, mossi costantemente da un’unica grande passione e dalla voglia di superarsi. “I gesti sportivi alla fine sono quelli che verranno ricordati nel tempo. Sono quelli a fare di un pilota un grande pilota” ha concluso Paolo Simoncelli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

quartararo motogp

MotoGP, Fabio Quartararo: “Quando ci sono gare doppie siamo persi”

bastianini moto2

Moto2, Enea Bastianini carico: “Mancano ancora tre Gran Premi”

di giannantonio moto2

Moto2, Fabio Di Giannantonio: “Ci siamo rifatti di domenica scorsa!”