masia moto3

Moto3, Misano-2: Vola Jaume Masiá, nuovo record assoluto nelle FP2

Jaume Masiá velocissimo: lo spagnolo riscrive il nuovo record assoluto nelle FP2 Moto3. Dietro di lui si piazzano Celestino Vietti e Tatsuki Suzuki.

18 settembre 2020 - 14:02

Secondo turno Moto3 in cui viene riscritto il record della pista. Ci pensa Jaume Masiá, velocissimo negli attimi finali delle FP2 ed autore del nuovo miglior crono assoluto della categoria a Misano. Dietro di lui si piazza Celestino Vietti, terza posizione per Tatsuki Suzuki. Venerdì di partenze ritardate per sanzioni, ma non sono mancate anche alcune cadute. È tutto per questa giornata, vedremo se sabato mattina saranno confermati i valori visti finora.

Come avvenuto per le prime prove libere, non mancano partenze ritardate anche in questo turno, sempre per lentezza nelle FP3 della scorsa settimana. García, Salač, Antonelli, Fernández, Toba, Dupasquier, Rossi, Sasaki, Arenas, Pawi and Rodrigo, alla seconda infrazione, hanno ricevuto 15 minuti di stop all’inizio di queste FP2. Brillano subito gli italiani, nello specifico, Vietti, Fenati ed Arbolino, presto nelle prime posizioni in classifica. Non mancano svariati incidenti: un highside per Fernández, poi cadono Rodrigo e Migno. Spettacolare salvataggio di Rossi, che rischia grosso.

Celestino Vietti in particolare sembra destinato a chiudere al comando, ma non ha fatto i conti con Jaume Masiá: l’alfiere Leopard vola nei secondi finali, stampando il nuovo record assoluto della pista (in precedenza 1:41.823). L’italiano quindi è secondo in questo turno, terza piazza finale per Tatsuki Suzuki. Qualche guaio a turno concluso per Fenati, a cui serve una spinta fino al box.

La classifica FP2 

La classifica combinata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

quartararo motogp

MotoGP, Fabio Quartararo: “Quando ci sono gare doppie siamo persi”

bastianini moto2

Moto2, Enea Bastianini carico: “Mancano ancora tre Gran Premi”

di giannantonio moto2

Moto2, Fabio Di Giannantonio: “Ci siamo rifatti di domenica scorsa!”