jaume masia moto3

Moto3, Jaume Masiá concede il bis: “Stessa strategia di sette giorni fa”

Jaume Masiá bissa il successo del primo GP ad Aragón. Ora è 4° iridato a -24 da Arenas. "Maggiore pressione e ritmo più alto di sette giorni fa."

25 ottobre 2020 - 19:03

Doppio appuntamento Moto3 ad Aragón, e Jaume Masiá lo chiude con una bella doppietta di vittorie. Il pilota Leopard si ripete anche questa domenica, beffando sul finale tutti gli avversari e tagliando il traguardo davanti col minimo vantaggio. È stata una volta di più una lotta serrata, ma il pilota #5 emerge come sette giorni fa e riesce a conquistare il secondo successo consecutivo. Questo nel giorno del suo 50° GP mondiale, oltre ad assicurare la vittoria numero 800 di sempre a Honda.

Ce n’è voluto di tempo prima di salire nuovamente sul primo gradino del podio (Argentina 2019), ed ecco arrivare ben due centri in sequenza. Ma sono parecchi punti che fanno molto comodo: ora è risalito in 4^ piazza iridata, davanti ad Arbolino e ad appena 3 lunghezze da Vietti. In totale, 24 punti di svantaggio dal leader iridato Arenas… Lo spagnolo del team Aspar limita i danni, ma se guardiamo la matematica sono ancora tanti che possono insidiarlo. Poi parleranno i valori in pista…

“Incredibile vincere due volte di seguito!” ha dichiarato estasiato Jaume Masiá al parco chiuso. “Dopo la vittoria della scorsa settimana ho sentito maggiore pressione, ma ho cercato sempre di mantenere la calma. Ho avuto un po’ più di difficoltà questo fine settimana: il ritmo era più alto rispetto allo scorso GP. Le KTM sono davvero forti, soprattutto in frenata, ma ho ripetuto la stessa strategia, passando in rettilineo. Le KTM erano molto forti in accelerazione ma in velocità di punta siamo stati un po’ meglio.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

enea bastianini moto2

Enea Bastianini, brindisi da campione con il Fan Club e l’amico Toccaceli

MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, Marc Marquez al bivio: Honda in ansia dopo un anno deludente

MotoGP, Valentino Rossi e Alex Briggs

Alex Briggs, ultimo saluto a Valentino Rossi e alla MotoGP (o forse no)