moto3 stiria 2020

Moto3, italiani protagonisti al Red Bull Ring quest’anno? I precedenti

Fine settimana di gare al Red Bull Ring. Dal podio di Bastianini nel 2016 alla doppietta nel 2020, rivediamo tutti i risultati tricolori sulla pista austriaca.

4 agosto 2021 - 16:43

Ci siamo, si riaccendono i motori: il Motomondiale si risveglia al Red Bull Ring, che come l’anno scorso ospiterà un doppio evento. Due occasioni quindi per i nostri portacolori in Moto3 di fare bene su una pista sempre molto apprezzata. Servirebbe un bel guizzo soprattutto per rilanciarsi in ottica iridata… Dal 2016 ad oggi i piloti italiani hanno mancato per due volte il podio austriaco, ma registriamo anche tre successi e svariati piazzamenti sul podio. Rivediamo tutti i precedenti.

2016-2017 nel segno di Mir

Il primo evento al Red Bull Ring si verifica appunto nel 2016, ma è anche teatro di una prima vittoria mondiale. Il pilota protagonista è Joan Mir, che dopo la prima pole del sabato mette a referto anche questo grande risultato. Lo segue a breve distanza il leader iridato Brad Binder, nota tricolore sul terzo gradino del podio grazie ad Enea Bastianini. L’anno dopo (quello poi del suo primo iride) il maiorchino si ripete, stavolta con una gara ‘insolita’ per la Moto3, visto che trionfa con oltre tre secondi di vantaggio sugli inseguitori! Seconda piazza per Philipp Öttl, che riesce ad avere la meglio su Jorge Martín e su svariati altri piloti in lotta per le restanti posizioni del podio. Come si vede, è la prima occasione senza italiani in top 3: il migliore, Di Giannantonio, è 6°.

2018-2019, tricolore in alto

Gli italiani cominciano a fare la voce grossa: a referto pole position e vittoria per Marco Bezzecchi, che si mantiene provvisoriamente leader iridato. Anzi, in questo evento è doppietta tricolore con Enea Bastianini 2° al traguardo, chiude in terza piazza Jorge Martín, reduce da un infortunio. Segnaliamo anche il giro veloce stampato da Lorenzo Dalla Porta, alla fine 5° alla bandiera a scacchi. Nel 2019 abbiamo invece un ritorno alla vittoria: il protagonista è Romano Fenati, che grazie ad uno strappo finale trionfa per la prima volta dal Giappone 2017 (con tutte le vicissitudini che sono seguite in mezzo). È doppietta Snipers e tricolore col secondo posto di Tony Arbolino, che beffa di pochi millesimi John McPhee e Celestino Vietti.

GP 2020 per due 

Passiamo alla scorsa stagione, complicata dalla pandemia. Nel Gran Premio d’Austria spicca il pilota che sarà in seguito campione del mondo di categoria, in una vera e propria “gara Moto3”. Alla fine è appunto Albert Arenas ad avere la meglio, un arrivo al fotofinish con Jaume Masiá staccato di soli 49 millesimi! Anche dietro i distacchi sono minimi, con alla fine John McPhee terzo in seguito ad alcune sanzioni per uscite sul verde. Tra i penalizzati c’è anche Celestino Vietti, che appena sette giorni dopo scrive un bel capitolo della sua carriera. Arriva infatti il suo primo trionfo mondiale, beffando il connazionale Tony Arbolino, a lungo al comando della corsa. Doppia soddisfazione tricolore, con Ai Ogura a completare il podio.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

franco morbidelli motogp

MotoGP, Franco Morbidelli: “Sfida superata in maniera decente”

aleix espargaro misano motogp

MotoGP: comanda Aleix Espargaró nel day-2, Bagnaia top dei Test Misano

alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Sylvain Guintoli? Non so davvero come faccia”