arenas mcphee ogura moto3 qatar

Moto3: Gara perfetta di Arenas, McPhee a +0.053, regalo per Ogura

Albert Arenas trionfa in Qatar con un margine minimo su John McPhee, terzo gradino del podio per Ai Ogura. I protagonisti del Gran Premio.

8 marzo 2020 - 18:00

La Moto3 apre il 2020 con una gara nel suo stile: una battaglia che inizia al via per finire solo alla bandiera a scacchi. Albert Arenas riesce ad avere lo spunto giusto per fare suo il primo GP della stagione, riuscendo a beffare John McPhee per appena 53 millesimi. Buon inizio di stagione per lo scozzese, mentre Ai Ogura si vede regalare il podio per un errore di Masiá, retrocesso di una posizione per un’uscita di pista nell’ultimo giro.

Non sta nella pelle Albert Arenas: per lui arriva il 4° successo in sei piazzamenti complessivi sul podio. Un risultato che regala a KTM la vittoria numero 100. “Incredibile vincere, ancora meglio se in questo modo. Avevo capito di avere qualcosa di più rispetto agli altri e ci ho provato: nessun nervosismo, ho cercato di tirare e di sfruttare al massimo quest’opportunità. Ringrazio tanto la squadra ed il mio nuovo team tecnico, mi stanno aiutando tanto a migliorare come pilota.”

John McPhee ci ha provato fino alla fine, cedendo come detto per soli 53 millesimi. Grande inizio anche per l’alfiere Petronas Sprinta Racing, che ha messo in pista tutto il lavoro svolto sul ritmo gara soprattutto durante i test. “Abbiamo sempre cercato di girare da soli. Oggi abbiamo messo assieme tutto quello che abbiamo fatto. Nei primi giri mi sono fatto trovare un po’ impreparato, ma sapevo di andare meglio a fine gara con gomme usate. Mi sono tenuto attaccato all’uscita dell’ultima curva, ma non è bastato per vincere. Sono comunque contento per il podio.” 

Come detto, Ai Ogura si è visto assegnare il podio solo a gara conclusa, grazie ad un errore finale di Masiá. Un terzo posto che provoca sentimenti contrastanti nel giovane pilota del Sol Levante. “Sono contento, ma non troppo” ha ammesso l’alfiere Honda Team Asia. “Ho avuto qualche difficoltà ad inizio gara, soprattutto nei sorpassi. Quando le gomme sono calate il feeling è migliorato e sono riuscito a superare vari piloti, anche se non è stato sufficiente.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

brad binder ktm motogp

MotoGP, Brad Binder: “Test Misano? All’inizio mi sentivo perso”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi ritorna sulla Ferrari GT3: “Che bello risalire sulla Bestia”

syahrin moto2

Moto2, Hafizh Syahrin: “Devo lavorare sui miei punti deboli”