deniz oncu moto3 tech3 2020

Moto3: Deniz Öncü, esordio mondiale con Red Bull KTM Tech3 nel 2020

Deniz Öncü approda nel Motomondiale nel 2020. Il giovane turco è uno dei due piloti schierati da Red Bull KTM Tech3 per la sua prima stagione in Moto3.

16 novembre 2019 - 19:30

Per un Öncü che se ne va (Can sembra diretto in WorldSSP), ne arriva un altro. Il 2020 sarà l’anno dell’esordio mondiale per Deniz Öncü. Il giovane pilota turco arriverà nel Campionato del Mondo con Red Bull KTM Tech3, squadra al debutto nella categoria minore. Ufficiale l’ingaggio del minore dei gemelli Öncü, sarà il compagno di box del già annunciato Ayumu Sasaki. Hervé Poncharal completa così la sua formazione per quella che sarà la prima stagione in Moto3 del suo team.

“Sono davvero contento di esordire con Red Bull KTM Tech3 nel Mondiale Moto3” ha dichiarato Deniz Öncü. Vice-campione Rookies Cup 2018, da due stagioni nel CEV Moto3, ha disputato qualche wild card mondiale quest’anno, oltre a sostituire il gemello infortunato in alcune occasioni. “Si tratta di un sogno che si realizza, ho sempre sperato di poter competere nel Campionato del Mondo a tempo pieno. Darò il massimo per migliorare gara dopo gara, puntando costantemente alla zona punti. Ringrazio tanto Hervé Poncharal ed il mio manager Kenan Sofuoğlu per questa grande opportunità.”

“Finalmente posso annunciare la line-up completa” ha aggiunto Hervé Poncharal. “Il 2020 sarà un anno emozionante per tutti noi. Abbiamo due piloti molto giovani, ma con un grande potenziale per diventare futuri campioni. Per noi si tratterà anche dell’esordio in Moto3. Sappiamo che è una categoria cruciale per KTM, stanno lavorando molto sulla nuova moto. Ci auguriamo che sia un altro progetto di successo per Red Bull KTM Tech3.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile

miguel oliveira tech3

Miguel Oliveira: “MotoGP in Portogallo? Un sogno, ma…”