fenati bastianini bagnaia - moto3

Moto3: dal 2015 piloti italiani sempre sul podio a Le Mans

Dalla tripletta italiana del 2015 a Vietti-Arbolino del 2020: da anni i nostri portacolori in Moto3 non mancano un podio a Le Mans. Tutti i precedenti.

10 maggio 2021 - 18:35

Dopo quattro GP ancora manca un successo italiano in Moto3. Si spera di interrompere questo digiuno a Le Mans, su un circuito che da anni vede i nostri portacolori protagonisti sul podio. È dal 2015 infatti la bandiera della nostra penisola è presente ininterrottamente nella top 3 della pista francese, a volte anche con più di un pilota. Riusciranno a rispettare questa tendenza degli ultimi anni? Con la speranza anche di riuscire a salire sul gradino più alto per la prima volta nel 2021…

Ma guardiamo intanto tutti i precedenti da quando la classe minore è diventata Moto3. Nel citato 2015 ecco la prima soddisfazione per i nostri colori, addirittura tripla: vittoria di Romano Fenati, secondo posto di Enea Bastianini, terza piazza di Francesco Bagnaia (primo podio mondiale). Un tris totalmente tricolore quindi in terra francese, che da allora ha sempre visto almeno uno dei nostri ragazzi in top 3. L’anno successivo ci pensa Fenati secondo al traguardo, ma registriamo anche la pole position di Niccolò Antonelli.

Nel 2017 è la volta di Fabio Di Giannantonio, salito sul terzo gradino del podio, mentre l’anno successivo la seconda piazza porta il nome di Andrea Migno. Anno 2019 con Lorenzo Dalla Porta che si assicura la terza posizione finale, per finire con una gran doppietta nella scorsa stagione. Celestino Vietti infatti conquista la seconda vittoria stagionale (ed in carriera) con annesso giro veloce in gara, dietro di lui si è piazzato Tony Arbolino.

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

gardner moto2

Moto2 Sachsenring, Prove 3: È sempre Gardner, 3° Di Giannantonio

MotoGP, Jack Miller al Sachsenring

MotoGP Sachsering, sfida Yamaha-Ducati: analisi e commenti dopo le FP3

quartararo motogp

MotoGP Sachsenring, Prove 3: Svetta Quartararo sulle Ducati ed Oliveira