Moto3: Celestino Vietti super, secondo podio mondiale a Jerez

Celestino Vietti grande protagonista anche a Jerez. Dopo una splendida battaglia arriva il secondo podio mondiale, mantenendo così la testa della classifica dei rookie.

6 maggio 2019 - 15:18

Una gara vissuta sempre da protagonista, prendendo anche il comando in alcune circostanze, fino al terzo posto alla bandiera a scacchi. Celestino Vietti continua a mettersi in luce in questo inizio di stagione, la prima completa, trattandosi di un esordiente nel Campionato del Mondo. Il podio a Jerez de la Frontera è un altro risultato da incorniciare, che lo mantiene al comando nella classifica dei rookie con 17 punti di vantaggio su Raúl Fernández (caduto in Spagna).

Le ultime quattro gare del 2018, disputate in sostituzione dell’infortunato Bulega, avevano già mostrato la sua competitività su tracciati fino a quel momento sconosciuti. Spicca il terzo posto a Phillip Island, un primo sorprendente podio iridato alla seconda gara mondiale. Non è mancato molto perché il risultato si ripetesse: nella giornata di gloria di SIC58 Squadra Corse c’è stato spazio anche per lui, battagliero protagonista di una gara da cardiopalma fino alla bandiera a scacchi.

“Non riesco a pensare ad un weekend migliore di questo” ha dichiarato ‘Celin’ a Gran Premio concluso. “Siamo partiti bene, è stato fantastico con tutti quei sorpassi, mi sono davvero divertito. A metà gara ho incontrato qualche difficoltà con le gomme, ma ho resistito cercando di attaccare Antonelli.” Nel corso della competizione, come detto, ci era già riuscito, prendendo anche il comando per qualche giro.

“Forse con un po’ di malizia in più sul finale avremmo ottenuto un risultato anche migliore.” Si sa, l’appetito vien mangiando e Vietti ha visto a lungo la possibilità di raggiungere addirittura il primo gradino del podio. Non che il terzo sia però da buttare, visto che per il giovane rookie è già il secondo piazzamento in top 3 in appena otto gare mondiali. “Mi trovo bene con la moto, sia io che la squadra siamo contenti. Spero sia la strada giusta.”

Squadra che ha iniziato a saltare di gioia non appena ‘Celin’ ha tagliato il traguardo con il primo podio della stagione. “Celestino ha fatto un weekend quasi perfetto, sta svolgendo un ottimo lavoro” ha detto il team manager Pablo Nieto. “Sul finale stava guidando molto bene, ma Suzuki ci ha superati. Ha tempo per migliorare” ha aggiunto il coach Roberto Locatelli. “Lui è un pilota che entra molto largo e che poi riesce a chiudere bene, sfruttando un assetto realizzato per le sue esigenze. Oggi è stato velocissimo, sembrava un veterano!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio

Marc Marquez campione MotoGP

MotoGP, Marc Marquez: “Il mio prossimo rivale è Fabio Quartararo”