Moto3, Catalunya: Prove 3, Aron Canet da record

Aron Canet conquista l'accesso diretto alla Q2 con un gran giro. Subito dietro di lui si piazzano Niccolò Antonelli e Gabriel Rodrigo.

15 giugno 2019 - 9:51

Terza sessione di prove libere Moto3 chiusa con Aron Canet autore del miglior giro di sempre al Montmeló, superando di 4 decimi il precedente record. L’alfiere Max Racing Team ottiene senza problemi l’accesso alla Q2, seguito da Niccolò Antonelli e da Gabriel Rodrigo. Nella lista dei 14 troviamo anche Lorenzo Dalla Porta ed il vincitore del Mugello Tony Arbolino, così come la wild card Carlos Tatay.

Come sempre, si tratta del turno di libere più importante, con i primi 14 piloti ammessi direttamente alla Q2. Nei primi minuti registriamo qualche caduta, quella di Suzuki alla curva 13 ed una per Toba alla curva 9 senza conseguenze. In pista, dopo un inizio tranquillo, abbiamo tempi che iniziano ad abbassarsi sensibilmente. Nella seconda parte del turno il giro più veloce di sempre, un 1:48.806 stampato l’anno scorso da Bastianini, diventa un lontano ricordo. Ci pensa prima Fernández, poi superato da Rodrigo e Canet, ma la situazione è ancora provvisoria perché altri supereranno il record. Sul finale non manca anche una caduta per il rookie Rossi, apparso piuttosto dolorante.

Negli ultimi minuti, tra giochi di scie, si cerca il giro migliore, sfruttando al massimo i tentativi finali per entrare in top 14. Non cambia la testa della classifica, con il leader iridato Aron Canet che chiude davanti, non riesce il colpaccio finale a Niccolò Antonelli, che manca la prima piazza per appena un decimo. Terzo è Gabriel Rodrigo davanti a Raúl Fernández, Makar Yurchenko e Jaume Masiá, gli ultimi al di sotto del precedente record della pista. In Q2 anche Lorenzo Dalla Porta 10° e Tony Arbolino 11°, seguiti dalla wild card Carlos Tatay.

La classifica delle FP3

La classifica combinata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”