Moto3, Catalunya: Prima pole stagionale per Gabriel Rodrigo

Gabriel Rodrigo per la prima volta in pole nel 2019, con annesso nuovo record. Completano la prima fila Ai Ogura e Tony Arbolino, non mancano alcune penalità.

15 giugno 2019 - 13:14

Turno di qualifiche come sempre incandescente per la categoria Moto3 ed abbiamo il settimo poleman differente. Gabriel Rodrigo conquista la prima pole position (con il record in 1:48.450) in questo 2019, la prima dell’anno anche per il team di Fausto Gresini. Da sottolineare che il numero 19 è reduce da un intervento ad entrambe le braccia per sindrome compartimentale. Ai Ogura ottiene il secondo tempo, un po’ di Italia in prima fila grazie a Tony Arbolino terzo. Da segnalare sanzioni per Antonelli (caduto due volte), Foggia, Masiá, retrocessi di 12 posizioni in griglia per ‘guida irresponsabile’ durante le libere. Potrebbe però non essere finita qui, visti alcuni incidenti durante le qualifiche.

La prima cosa da dire della Q1 è che Riccardo Rossi è regolarmente in pista dopo l’importante incidente delle FP3. Le temperature sono salite molto, quindi i tempi sono molto lontani rispetto a quanto visto al mattino. I giapponesi inizialmente dettano il passo con Masaki, Sasaki, Ogura e Yamanaka che fino a pochi minuti dalla fine sarebbero in Q2 davanti a Suzuki. All’ultimo secondo Vietti e Kornfeil si toccano, con l’italiano nella ghiaia senza completare il suo ultimo giro. Tanti cambi in classifica e infine passano in Q2 Tatsuki Suzuki, Andrea Migno, Albert Arenas e Ai Ogura.

Da registrare subito alcune cadute, quelle di Antonelli e della wild card Tatay. Una corsa contro il tempo ai box per sistemare le moto, visto che i minuti dell’intera Q2 sono pochi in questi casi. Rodrigo è provvisoriamente al comando davanti a Canet ed Arbolino, ma è una situazione destinata a cambiare sul finale, con tutti i piloti in pista con gomme nuove. Il turno si chiude con Antonelli e Dalla Porta a terra, con quest’ultimo colpito dal suo connazionale. La pole rimane nelle mani di Gabriel Rodrigo (come detto, reduce da un intervento ad entrambe le braccia per risolvere la sindrome compartimentale), a precedere Ai Ogura ed il nostro Tony Arbolino.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jack Miller e Valentino Rossi

Valentino Rossi in Formula 1, Jack Miller: “Preferisco il rally”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo ritorna a Lugano: tempo di affari e incognita MotoGP

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Dovizioso provaci ancora: Marquez obiettivo non impossibile