Moto3, Austin: Trionfo di Aron Canet e del Max Racing Team

Aron Canet si impone sul tracciato di Austin, primo successo per il Max Racing Team. Sul podio Jaume Masiá ed Andrea Migno.

14 aprile 2019 - 18:53

Il Gran Premio delle Americhe si rivela particolarmente combattuto per la categoria Moto3, ma alla fine assistiamo al successo di Aron Canet. Lo spagnolo torna alla vittoria dopo un digiuno che durava dalla tappa britannica del 2017 e dopo appena tre gare porta in trionfo l’esordiente Max Racing Team. Seguono i due piloti Bester Capital Dubai, con Jaume Masiá 2° e Andrea Migno 3°, al primo piazzamento sul podio da Le Mans 2018.

Ottimo lo scatto del rookie Fernández, che si porta subito al comando davanti al poleman Antonelli, prima che quest’ultimo torni in testa. Si chiude presto la gara di Can Öncü, scivolato alla curva 4, mentre in testa si infiamma la battaglia tra un buon numero di piloti, come ormai ci ha abituato la Moto3. Da segnalare la rimonta del duo Snipers, ma non è fortunato Fenati: centra una buca alla curva 18 e chiude la sua gara a 7 giri dalla fine, trascinando con sé Kornfeil. Cadranno anche Viu, Booth-Amos, Toba, Sasaki.

Al comando da circa metà gara c’è Suzuki, che cerca di accumulare del margine sugli inseguitori. Per il giapponese però la gara si chiude a 5 tornate dalla fine, con una scivolata alla curva 7. La lotta continua fino alla fine ed abbiamo il successo di Aron Canet. Lo spagnolo porta così la prima vittoria al debuttante Max Racing Team, la squadra di Max Biaggi.

Seconda e terza piazza sul podio per la coppia Bester Capital Dubai, con Jaume Masiá che chiude davanti ad Andrea Migno, capace di resistere all’assalto finale di Gabriel Rodrigo. Il poleman Niccolò Antonelli è 5°, a precedere Tony Arbolino e Raúl Fernández, miglior rookie in questa competizione. Ottavo posto per Alonso López davanti al duo Sky Racing VR46. Bella rimonta per i due piloti, con Celestino Vietti seguito da Dennis Foggia.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi a Silverstone

Valentino Rossi a Silverstone con il pallino del podio

Johann Zarco

Johann Zarco si offre come tester: “Posso parlare con tutti”

MotoGP, Silverstone: L’asfalto la maggiore incognita