Moto3: Tony Arbolino, pole position da record al Mugello

Tony Arbolino insuperabile in qualifica al Mugello, sua la pole position sul tracciato di casa. Prima fila anche per Gabriel Rodrigo e Lorenzo Dalla Porta.

1 giugno 2019 - 13:28

Sei decimi di vantaggio sul secondo classificato, pole position e record della pista ottenuto al Mugello. Gran turno di qualifiche per Tony Arbolino, che domina nettamente sul tracciato di casa, sperando così in una gara positiva dopo tanti episodi sfortunati. Gabriel Rodrigo (con il team Gresini) è secondo, terza piazza per un altro italiano, Lorenzo Dalla Porta. Gara da non perdere, al via alle 11:00 di domenica 2 giugno.

Le qualifiche cominciano con la Q1, il turno in cui i piloti rimasti fuori dalla lista dei 14 si giocano i 4 posti utili per accedere alla seconda sessione. Una battaglia davvero accesa dall’inizio fino alla bandiera a scacchi, su un tracciato in cui si cerca anche la giusta scia, provocando un po’ di nervosismo da parte di alcuni ragazzi (non sarebbe strano aspettarsi qualche penalità). Alla fine Raúl Fernández, Marcos Ramírez, Darryn Binder ed Andrea Migno riescono alla fine ad accedere alla Q2. Non riesce nell’impresa Kevin Zannoni, 11° con la sua TM, mentre Riccardo Rossi scatterà dall’ultima casella.

Da segnalare un fatto rilevante proprio all’inizio: Antonelli e Suzuki escono con semaforo e bandiera rossa, un’ingenuità che potrebbe costare. Sono proprio i due alfieri SIC58 Squadra Corse che dettano il passo per buona parte del turno, seguiti da Fenati e Toba. Strepitoso ultimo giro di Tony Arbolino, che ad un crono cancellato per essere uscito di pista ha riposto con il record del tracciato. In seconda piazza Gabriel Rodrigo, chiude la prima fila Lorenzo Dalla Porta davanti ad Andrea Migno.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo a Motegi per il ringraziamento Honda

johann zarco

Johann Zarco: “Ho davanti 3-4 stagioni da vivere al massimo”

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Viñales: “L’interesse Ducati mi lusinga”