Brad Binder, Valencia Moto2 2019

Moto2, Valencia: Prove 3, Brad Binder non si batte

Brad Binder si mette in luce anche nell'ultimo turno di prove libere. Seguono Di Giannantonio e Fernández, 9° Márquez (caduto).

16 novembre 2019 - 11:44

Un ritmo ancora imprendibile quello visto da parte di Brad Binder nel terzo ed ultimo turno di prove libere. Il pilota sudafricano migliora ancora il tempo record stampato venerdì, ottenendo l’accesso al secondo turno di qualifiche da primo in classifica. Dietro di lui Fabio Di Giannantonio, Augusto Fernández e Thomas Lüthi, ottimo 5° posto per Stefano Manzi, 9° Alex Márquez. Tra i primi 14 troviamo anche Mattia Pasini, Luca Marini e Andrea Locatelli.

Temperature molto basse (siamo attorno ai 10° C) nel turno più importante per la categoria Moto2, visto che si decidono i 14 piloti direttamente in Q2. Dopo pochi minuti abbiamo un incidente alla Campos per Bezzecchi, in seguito ad un contatto con Bastianini. Fortunatamente il pilota Tech 3, caduto in pista, recupera la moto e torna al box senza ulteriori conseguenze.  Nello stesso punto scivola anche Márquez, finito assieme alla sua KALEX nella ghiaia. Il campione del mondo è a lungo a forte rischio riguardo l’accesso diretto alla Q2, prima di riuscire a risalire.

Nella seconda parte del turno registriamo anche il primo incidente di Marcon, sostituto di Raffin in NTS RW Racing. L’italiano, a terra alla Doohan, è presto in piedi. Per quanto riguarda i tempi, migliorati rispetto alla prima giornata, è ancora Brad Binder a dettare il passo con Lüthi, suo rivale per il secondo posto iridato, subito dietro. Continua a mettersi in evidenza Manzi, da subito stabilmente nelle prime posizioni: il 5° posto finale gli vale l’accesso alla Q2. In testa rimane il pilota Red Bull KTM Ajo, seguito da Fabio Di Giannantonio e da Augusto Fernández.

La classifica delle FP3

La classifica combinata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio