di giannantonio moto2 qatar

Moto2, Fabio Di Giannantonio: “Mai cercato il tempo sul giro”

Ultimo giorno di test in Qatar con Jorge Navarro in testa, a precedere Remy Gardner e Fabio Di Giannantonio. Le parole dei tre piloti.

1 marzo 2020 - 18:10

Terza ed ultima giornata di test in Qatar chiusa con Jorge Navarro al comando della classifica dei tempi. Buoni riscontri per il pilota Speed Up, che nella classifica combinata della domenica ha preceduto Remy Gardner ed il compagno di squadra Fabio Di Giannantonio. Tutti e tre i piloti hanno lavorato soprattutto su feeling e ritmo gara, realizzando anche alcune brevi simulazioni. Fine dei test, a breve si fa sul serio: appuntamento la prossima settimana per il primo GP stagionale.

Jorge Navarro decisamente soddisfatto di questi ultimi test. Tanto lavoro in ottica gara, ma senza spingere troppo, per non mostrare tutto il suo potenziale. “Fin dal primo giorno il feeling è stato buono, così come il ritmo, ma mancava sempre qualcosa, non mi sentivo del tutto a posto. In quest’ultima giornata abbiamo lavorato tanto con gomme usate per capire quale fosse il problema e nel pomeriggio l’abbiamo individuato. Sono riuscito così ad essere molto veloce. Abbiamo infine realizzato una mezza simulazione con serbatoio pieno e gomme nuove, ma senza scoprire troppo le nostre carte.”

Passi avanti per Remy Gardner, spesso nelle zone alte della classifica nei test realizzati. L’obiettivo è diventare uno dei protagonisti in Moto2: prova del nove tra pochi giorni in Qatar. “Nell’ultima sessione di giornata abbiamo voluto realizzare anche una piccola simulazione di gara. Abbiamo visto che il feeling non era dei migliori, ma i tempi non erano poi così male. Abbiamo poi effettuati piccoli cambiamenti ed è andata un po’ meglio. Da dire che due sessioni sono state con temperature molto alte, nell’ultima il sole stava tramontando. Condizioni quindi completamente differenti. Se non altro nel pomeriggio abbiamo capito che siamo abbastanza competitivi.”

Fabio Di Giannantonio chiude con il terzo miglior crono nella classifica combinata della domenica. Mai a caccia del time attack, il best rookie 2019 si è concentrato soprattutto sulle sensazioni in sella alla sua Speed Up. “Abbiamo svolto un ottimo lavoro nel corso di tutti i test” ha dichiarato ‘Diggia’ soddisfatto alla fine di quest’ultima giornata di test. “Non abbiamo mai cercato il miglior tempo sul giro, ma ci siamo solo concentrati sul feeling in sella. Nell’ultima sessione in particolare mi sono sentito come una cosa sola con la mia moto. Ho anche spinto un po’, ma l’ho fatto solo per provare le gomme da gara.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp barcelona

MotoGP: Sospeso il Gran Premio di Catalunya del 7 giugno

motogp

MotoGP, la tecnica: La sfida logistica delle squadre nel Mondiale

MotoGP, Marc Marquez e suo fratello Alex

MotoGP, Marc Marquez: “Fortunato a non correre in Qatar”