lowes moto2

Moto2: Sam Lowes, il cuore oltre l’ostacolo. “Non mi sono arreso”

A Portimao Sam Lowes agguanta un eroico podio. Il pensiero dello stop nel warm up, la voglia di non arrendersi fino alla bandiera a scacchi. Ne esce "una delle mie gare migliori di sempre."

23 novembre 2020 - 7:33

Gettare il cuore oltre l’ostacolo. Possiamo definire così il finale di stagione di Sam Lowes, soprattutto l’ultimo GP realizzato a Portimao. Era davvero difficile anche solo ipotizzare che riuscisse a tenersi vicino alla zona podio, vista la recente lesione al polso destro… Ma il britannico ha stretto i denti, mantenendosi fino alla fine nelle prime posizioni e cogliendo uno straordinario terzo posto. Una degna chiusura di una stagione in crescendo, che finalmente l’ha visto vero protagonista. Ma l’appuntamento col ‘bottino grosso’ sembra solo rimandato.

“Nessuna parola può lontanamente avvicinarsi a quello che Sam ha fatto. Dopo il warm up era in lacrime, dicendo che non era in grado di correre! Gli ho detto di non lasciare nulla di intentato, ma lui ha fatto ben più di questo! D’ispirazione.” Con queste parole il gemello Alex Lowes, presenza fissa nel box nel fine settimana portoghese, ha commentato la gara dell’alfiere EG 0,0 Marc VDS. Che alla fine ha deciso di prendere parte all’ultimo GP, cercando di dare tutto quello che poteva. Fino a pochi giri dalla bandiera a scacchi l’abbiamo infatti visto in lotta con Marini e Gardner davanti a lui, prima di staccarsi. Ma a referto c’è un 3° posto che vale ben più di un successo.

Stesso discorso per la classifica iridata, visto che conclude terzo ad appena nove lunghezze dal nuovo campione del mondo. “È stata una delle mie gare migliori di sempre” ha dichiarato Lowes in seguito. Ammettendo che “Ho avuto parecchia difficoltà nel warm up, a malapena riuscivo a guidare. Non avevo poi alcuna idea di quale potesse essere il ritmo né il set up, non sono mai riuscito a fare tre o quattro giri consecutivi per tutto il weekend! Solo un grande grazie alla squadra: tutti hanno visto che non mi sono arreso fino alla fine e questo era l’aspetto più importante per tutti.”

Foto: Mirco Lazzari

1 commento

marcogurrier_911
8:13, 23 novembre 2020

Impresa grandiosa, bellissima stagione Sam
Senza la caduta in prova il titolo sarebbe stato tuo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, disastro Marc Marquez: Honda cercherà i colpevoli?

biaggi 250cc aprilia - motomondiale

MotoGP, la storia: Aprilia e gli anni gloriosi in 125cc/250cc

marcon moto2

Moto2, Tommaso Marcon: “È il Mondiale, partiamo con molta umiltà”