tony arbolino moto2

Moto2, prima uscita ufficiale dei rookie. Arbolino: “Qui si fa sul serio”

Fernández best rookie, Arbolino ed Arenas cercano le giuste sensazioni... Ma non solo. Vediamo come sono andati gli esordienti Moto2 nel day-1 a Losail.

19 marzo 2021 - 23:23

Oggi ha preso il via la prima uscita ufficiale del 2021 per la Moto2 (qui i tempi di giornata). Ma è stata anche l’occasione per vedere gli otto esordienti in azione. Li ricordiamo, sono Yari Montella, Cameron Beaubier, Celestino Vietti, Tony Arbolino, Raúl Fernández, Barry Baltus, Albert Arenas ed Ai Ogura. Il migliore del venerdì è stato Fernández, a precedere in questa speciale classifica l’italiano Arbolino. Vediamo com’è stata la loro prima giornata.

Fernández best rookie, Arbolino a +0.010 da Bezzecchi 

Per l’esordiente di KTM Ajo, il 10° posto in classifica combinata dei tre turni, a 9 decimi dal compagno di box al comando. Per lui il processo di adattamento sembra andare molto bene: nel terzo turno di giornata ha messo a referto molti giri in 2:00. “Mi sto adattando velocemente alla Moto2” ha detto Raúl Fernández. “Per domani lavoreremo di più sulle nuove gomme, per noi al momento l’aspetto più difficile.” Secondo dei rookie è Tony Arbolino con il 17° crono a +1.168 dalla vetta, a 10 millesimi da Bezzecchi subito davanti. “Tutto un altro approccio, qua si fa più sul serio” ha sottolineato il neo pilota Intact GP. Tante differenze con la Moto3 appena abbandonata, serve maggiore attenzione per quanto riguarda il margine di errore. “Se sbagli e perdi un decimo, te lo porti dietro per un sacco di curve.” Ma traspare certo una grande determinazione, unita alla voglia di fare bene.

Arenas al lavoro con la Boscoscuro

Subito dietro a lui c’è Ai Ogura, lo ricordiamo terzo iridato nel Mondiale Moto3 2020 ed al cambio di categoria e di moto, seppur con la stessa struttura. Chiude con il 18° crono di giornata, a 69 millesimi di ritardo dal vice-campione in entry class che lo precede. Dobbiamo scendere un po’ più giù per trovare una tripletta di esordienti. Il primo di questi è l’iridato Moto3 Albert Arenas, 23° a +1.6 in sella alla Boscoscuro del Aspar Team. “Siamo migliorati costantemente” ha detto a fine giornata. “Non è stato facile trovare un buon feeling, ma non ho perso la calma. Certo devo ancora capire la moto al 100%, ma nell’ultimo turno abbiamo fatto progressi.” Subito dietro c’è Celestino Vietti, alla prima uscita ufficiale con la KALEX di Sky VR46 ed a 63 millesimi di ritardo dallo spagnolo. Per l’italiano un totale di 28 giri a referto nella seconda e nella terza sessione di giornata (non è uscito al mattino).

Beaubier e Montella, passi avanti sul finale

Solo 53 millesimi separano l’italiano e Cameron Beaubier, pluricampione MotoAmerica approdato quest’anno nel Motomondiale. Un pilota al quale gli statunitensi guardando con grande speranza. Sono 37 le tornate da lui completate, con il suo miglior crono realizzato proprio nell’ultimo giro disponibile, scendendo per la prima (ed unica) volta sotto il muro di 2:01. Proseguiamo con Yari Montella, campione europeo Moto2 in carica al debutto con Speed Up, con cui ha vinto l’anno scorso. Certo cambiando tante cose sull’ora Boscoscuro, a partire dal motore, ma certo non solo. Per lui 29 giri con il suo best lap realizzato proprio all’ultimo giro. Finiamo la carrellata con Barry Baltus, il più piccolo degli esordienti e l’unico ad aver disputato tutti e tre i turni. Il belga di NTS RW Racing GP chiude la classifica odierna con 35 giri a referto ed un best lap che lo colloca a circa 4 secondi da Gardner al comando.

:

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Razlan Razali

MotoGP, Razlan Razali: “Dovizioso? Questo sport è un business”

MotoGP Tecnica Yamaha M1 Quartararo

MotoGP, la tecnica: Quartararo e la M1, dettagli di una Yamaha mondiale

marquez espargaro honda motogp

MotoGP: Márquez-Espargaró, quella doppietta Honda attesa dal 2017