Nicolò Bulega e Valentino Rossi

Moto2, Nicolò Bulega saluta la VR46: “Grazie Valentino Rossi”

Nicolò Bulega a fine 2019 lascerà la VR46 Academy e lo Sky Racing Team: "Orgoglioso di essere stato un pilota del mio idolo Valentino Rossi".

31 luglio 2019 - 23:02

Nicolò Bulega a fine campionato dirà addio alla VR46 Riders Academy e allo Sky Racing Team. Una notizia preannunciata già da tempo, confermata da Alberto Tebaldi a Corsedimoto e adesso diventa ufficiale. Le strade si dividono per “normale amministrazione”, dopo sei anni di reciproche soddisfazioni alternate a momenti di difficoltà, come in tutti gli sport.

L’Academy ha consentito a Bulega di crescere professionalmente e umanamente, accompagnandolo dal CEV al Motomondiale, fino all’ascesa in Moto2 nel 2019. “La VR46 per me è stata come una seconda famiglia; da sei anni ho condiviso insieme a Vale, Uccio, Albi, Barbara e i miei amici e compagni piloti dell’Academy, la maggior parte delle ore tutti i giorni. Da loro ho imparato tantissimo, mi sento un privilegiato per aver fatto parte di questo gruppo e poter dire con orgoglio di essere stato un pilota del mio idolo assoluto Valentino Rossi“. Per Nicolò Bulega arriva il momento di intraprendere la sua strada, provare nuove avventure professionali, “per completarmi come sportivo e come uomo. La mia non sarà una sfida facile, anzi, ma diciamo che anche questo aspetto mi servirà da stimolo“.

Per sempre il 19enne emiliano sarà debitore all’ambiente in cui è cresciuto, di cui porterà indelebilmente la matrice. “Voglio ringraziare per primo Valentino Rossi, che ha creduto in me ed è stato e, spero, lo possa rimanere, un fratello maggiore, un amico, un grande esempio. Ringrazio Uccio, un amico con cui ho sempre avuto un ottimo rapporto di stima e amicizia. Ma l’elenco delle persone da ringraziare è interminabile, da Albi, all’amico compagno di squadra Luca Marini, a tutti coloro che lavorano alla VR46. Un ringraziamento speciale lo vorrei dedicare anche a Sky che ha sempre creduto in me“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati