raul fernandez moto2

Moto2 Mugello, Prove 3: Raúl Fernández a tempo di record

Raúl Fernández svetta nell'ultima sessione di libere con il nuovo record della pista. Seguono Gardner e Lowes, Di Giannantonio 5° e miglior italiano.

29 maggio 2021 - 11:43

Si chiudono le prove libere con tre piloti in bella evidenza. In particolare il rookie Raúl Fernández, che si assicura la prima piazza con il nuovo record assoluto per la categoria al Mugello. Doppia soddisfazione per Red Bull KTM Ajo, visto che l’attuale leader Moto2 Remy Gardner è secondo a circa un decimo, mentre completa la top 3 Sam Lowes, il primo a riscrivere il nuovo record. Per gli italiani, Fabio Di Giannantonio è il migliore con il quinto posto finale, ma passano in Q2 anche Tony Arbolino, Marco Bezzecchi e Lorenzo Dalla Porta.

Prove libere 3 

Ultimo turno utile per rientrare in top 14 e quindi in Q2, ma bastano pochi minuti per marciare a tempo di record. Cancellato il precedente riferimento di 1:51.129 che dal 2019 apparteneva a Marcel Schrötter, Sam Lowes piazza un 1:50.793 come nuovo record assoluto al Mugello. A referto un brutto incidente per Arenas alla Materassi: il pilota sta bene, la sua Boscoscuro molto meno… Poco dopo finisce a terra anche Bulega, stavolta alla Borgo San Lorenzo. Mentre il record viene riscritto ancora nei minuti finali, ci pensa Raúl Fernández, con Remy Gardner però subito a ruota. Quasi alla bandiera a scacchi assistiamo ad un highside per Corsi (in basso la livrea MV Agusta per l’occasione) al Correnataio, a terra poco dopo nello stesso punto anche Canet. Nessuno infine riesce a scalzare il duo KTM Ajo dalla testa della classifica: comanda il rookie col leader e compagno di box in seconda piazza, terzo è Lowes.

La classifica FP3

La classifica combinata 

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 morbidelli sachsenring

Moto2, Italia vincente al Sachsenring solo con Morbidelli. Ed in 250cc…

La Honda RC213V nel test in Catalunya

MotoGP, Alberto Puig: la Honda “total black” resta top secret

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”