Moto2, Mugello: Lorenzo Baldassarri “Siamo stati vicini al podio”

Lorenzo Baldassarri rimonta dal 15° posto in griglia e chiude ai piedi del podio. Lascia il Mugello da leader iridato, ma i rivali si sono avvicinati.

4 giugno 2019 - 8:40

Si chiude con un ottimo quarto posto un fine settimana complesso per Lorenzo Baldassarri. Il pilota del team di Sito Pons era pronto per mettersi in luce davanti al pubblico di casa, ma la situazione si è rivelata difficile fin dalle prime prove libere. Le conseguenze dell’incidente a Le Mans non hanno aiutato, ma ‘Balda’ è riuscito a limitare i danni rendendosi protagonista di una gran rimonta e chiudendo ai piedi del podio. Mantiene così la leadership iridata, anche se per appena 2 punti sul vincitore in gara Márquez.

Solo quindicesimo in griglia di partenza dopo una qualifica difficile, Baldassarri ha cercato fin da subito di recuperare quanto più possibile. Assieme al compagno di box Fernández, giro dopo giro ha annullato lo svantaggio dal gruppo di testa, agganciandolo e ponendosi in lotta per la zona podio. Alla fine ha tagliato il traguardo in quarta piazza, recuperando ben 11 posizioni in totale. Come detto, chiude il Gran Premio di casa ancora da leader iridato, anche se i principali rivali si sono avvicinati molto.

“Sono davvero contento del risultato” ha commentato Lorenzo Baldassarri una volta chiusa la competizione. “Dopo un fine settimana complicato, non abbiamo mai smesso di lavorare e ne è la prova la rimonta in gara.” Chiaro che, da pilota italiano, sarebbe stato bello ripetere almeno il 2° posto del 2018, ma era difficile partendo da così lontano. “Siamo stati vicini al podio e sarebbe stato bello raggiungerlo, ma sono comunque contento. Siamo ancora in testa alla classifica iridata, che è la cosa più importante.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motorland aragon

MotoGP, Aragón: Gli orari del GP, diretta Sky Sport e TV8

Claudio Domenicali

MotoGP, Domenicali: “Marquez +93? Dietro Dovizioso 20 piloti”

Jorge Lorenzo a Misano

MotoGP: Jorge Lorenzo, non c’è luce in fondo al tunnel