Alex Marquez, San Marino Moto2 2019

Moto2 Misano, Prove 3: Márquez al comando, ma quante cadute

Alex Márquez, primato con caduta nella terza sessione di libere. Brilla Fabio Di Giannantonio secondo, seguono i due piloti SAG Team.

14 settembre 2019 - 11:49

Tanti incidenti caratterizzano la terza ed ultima sessione di prove libere per la categoria Moto2. Non è immune neanche Alex Márquez, che chiude però con il miglior crono assoluto del fine settimana a Misano. Ottimo Fabio Di Giannantonio, che accede alla Q2 con il secondo tempo (a 26 millesimi da Márquez), seguito dai piloti SAG Team Tetsuta Nagashima e Remy Gardner. Locatelli, Bulega, Bastianini (ancora convalescente dall’infortunio ad un piede) e Baldassarri riescono a piazzarsi tra i primi 14.

Ad inizio turno registriamo un incidente per Pasini (portato fuori in barella) al Tramonto, seguito poco dopo da una ‘classica’ scivolata di Fernández al Carro. In pista, Gardner si porta presto al comando, seguito da Márquez e Lowes. Si mette in luce sul finale del turno il rookie Di Giannantonio, che realizza una serie di giri veloci portandosi al comando della classifica provvisoria. Non manca un incidente da brividi per Martín, con la sua KTM che nella carambola lascia qualche detrito in pista. Scivolata anche per Márquez, a terra alla prima curva subito dopo essersi portato in testa.

La serie di incidenti non si ferma: cadono in seguito anche Aegerter, Lüthi, Schrötter, Izdihar. Il turno si chiude con Alex Márquez autore del miglior crono nei tre turni. Brilla Fabio Di Giannantonio, secondo dietro al leader iridato, continuano a mostrarsi competitivi entrambi i piloti SAG Team, freschi di rinnovo per il 2020 e di nuovo nelle zone alte della classifica.

La classifica delle FP3

La classifica combinata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, siluro Puig a Yamaha e Ducati: “Honda è una moto facile”

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Vorrei vedere i dati di Jorge Lorenzo”

Jorge Lorenzo ex pilota MotoGP

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “Su Jorge Lorenzo decisione sbagliata”